VURRIA


(Pugliese, Rendine – 1958)


 
Dint'a na stanzulélla fredda e scura,
addó' na vota ce traseva 'o sole,
mo stóngo io sulo, e tengo na paura
ch'a poco a poco, mme cunzuma 'o core.
 
In una stanzina fredda e scura,
dove una volta ci entrava il sole,
oro ci sono solo io, e ho una paura
che poco a poco, mi consuma il cuore.
 
Paura ca mme struje 'sta malatia
senza vedé cchiù Napule,
senza vedé cchiù a te.
 
Paure che mi consumi questa malattia
senza vedere più Napoli,
senza vedere più te.
 
Vurrìa turnà addu te,
pe' n'ora sola,
Napule mia,
pe' te sentì 'e cantà
cu mille manduline.
Vurrìa turnà addu te
comm'a na vota,
ammore mio,
pe' te puté vasà,
pe' mme sentì abbraccià.
'Sta freva
ca nun mme lassa maje,
'sta freva
nun mme fa cchiù campà.
 
Vorrei tornare da te,
per un'ora sola,
Napoli mia,
per sentirti cantare
con mille mandolini.
Vorrei tanto tornare da te
come una volta,
amore mio,
per poterti baciare,
per sentirmi abbracciare.
Questa smania
che non mi lascia mai.
questa smania
non mi fa più vivere.
 
Vurrìa turnà addu te
pe' n'ora sola, Napule mia.
Vurrìa, vurrìa, vurrìa,
ma stóngo 'ncróce.
 
Vorrei tornare da te
per un'ora sola, Napoli mia.
Vorrei, vorrei, vorrei,
ma sono in croce.
 
Stanotte, dint' 'o suonno, si' turnata.
Mm'accarezzave, chiano, 'sta ferita.
Aggio sentuto mille serenate,
aggio sentuto Napule addurmuta.
Po', 'mmiez'a tanta nebbia, só' caduto,
senza vedé cchiù Napule,
senza vedé cchiù a te.
 
Questa notte, nel sonno, sei tornata.
Mi accarezzavi, piano, questa ferita.
Ho sentito mille serenate,
ho sentito Napoli addormentata.
Poi, in mezzo a tanta nebbia, sono caduto,
senza vedere più Napoli,
senza vedere più te.
 
Vurrìa turnà addu te,
………………………..
Vorrei tornare da te,
……………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia