ZAMPUGNARIELLO


(Mendìa, Nardella)


 
Sotto Natale se pigliaje 'a zampogna,
se ne scennette 'a copp'a la muntagna,
lassanno a Filumena a fà li llegna.

"Faccio denare e mme ne torno â casa
e doppo ce spusammo dint' 'o mese.
'E sòrde mm'astip'i', tu astípa 'e vase".
 
Sotto Natale prese la zampogna,
scesa dalla montagna
lasciando Filomena a fare la legna.

"Faccio soldi e me ne torno a casa
e dopo ci sposiamo entro il mese.
I soldi li conservo io, tu conserva i baci".
 
Ullèro, ullèro,
sunava 'mmiez'â via 'o zampugnariello.
Lle purtarrà furtuna 'o Bammeniello.
E sona,
e penza: "Che peccato ch' 'a nuvena,
nun 'a sente Filumena,
nun 'a sente Filumena".
 
Ullèro, ullèro,
suonava per la strada lo zampognaro.
Gli porterà fortuna il Bambinello.
E suona,
e pensa: "Che peccato che la novena,
non l'ascolta Filomena,
non l'ascolta Filomena".
 
Ll'at'anno aveva fatto sempe 'a folla,
guagliune, viecchie, gruosse e piccerille
sentévano 'a zampogna e 'a ciaramella1.

Stavota li presebbie nun ce stanno.
Nisciuno 'o sente, s'è cagnato 'o munno,
'e gruosse e 'e piccerille, mo, che fanno?
 
L'anno prima aveva sempre fatto folla,
ragazzi, vecchi, grandi e piccoli
sentivano la zampogna e la ciaramella1.

Stavolta i presepi non ci sono.
Nessuno lo ascolta, è cambiato il mondo,
i grandi, i piccoli, ora, cosa fanno?
 
Ullèro, ullèro,
sunava 'mmiez'â via 'o zampugnariéllo:
"Oje bona gente, è nato 'o Bammeniéllo".
E sona,
ma si nisciuno 'a sente 'sta nuvena,
che lle porta a Filumena?
Che lle porta a Filumena?
 
Ullèro, ullèro,
suonava per la strada lo zampognaro:
"Oh brava gente, è nato il Bambinello".
E suona.
ma nessuno ascolta questa novena,
che gli porta a Filomena?
Che gli porta a Filomena?
 
Cuccàto, 'a notte, dint'a la lucanna,
cu ll'uocchie 'nfuse 'e lacreme, se sonna
ca ll'abbasta nu core e na capanna.

Ma lle cumpare 'o Bammeniéllo 'nzuónno
ca lle fa 'o pizzo a riso zennianno,
si duje se vònno, ciente nun ce pònno.
 
Coricato, la notte, in una locanda,
con gli occhi bagnati di lacrime, sogna
che gli basta un cuore e una capanna.

Ma gli compare il Bambinello in sogno
che gli fa un sorriso ammiccando,
se due si vogliono, cento non possono niente.
 
"Ullèro, ullèro"
lle dice 'o Bammeniéllo, "sta' felice,
ca chesta mana mia te benedice".
E sona,
nisciuno cchiù ce crede a 'sta nuvena,
ma ce crede Filumena,
ma ce crede Filumena.
"Ullèro, ullèro"
gli dice il Bambinello, "sii felice,
che questa mia mano ti benedice".
E suona,
nessuno più ci crede a questa novena,
ma ci crede Filomena,
ma ci crede Filomena.


1 La ciaramella (o Pipita) è uno strumento musicale popolare aerofono della famiglia degli oboi con ancia doppia, cameratura conica e senza chiavi. Il termine ciaramella, deriva dal diminutivo tardo latino calamellus, al femminile calamilla e calamella, derivante a sua volta dalla parola latina calamus, cioè canna. Raramente la si trova come strumento solista, ma è solitamente suonata assieme alla zampogna dagli zampognari che portano la Novena di Natale. Nei vari dialetti italiani prende il nome ciaramedda, cornetta, totarella, trombetta, bìfara, pipìta; in còrso prende il nome di cialamella, cialamedda o cialumbella.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia