ZAPPATORE


(Bovio, Albano – 1929)


 
Felicissima sera,
a tutte sti signure 'ncruvattate
e a chesta cummitiva accussí allèra,
d'uommene scicche e femmene pittate.

Chesta è na festa 'e ballo.
Tutte cu 'e fracchesciasse sti signure.
E i', ca só' sciso 'a copp' 'o sciaraballo1,
senza cercà 'o permesso, abballo i' pure.
 
Felicissima sera,
a tutti questi signori incravattati
a questa comitiva così allegra,
di uomini eleganti e donne truccate.

Questa è una festa da ballo.
Tutti con il frac questi signori.
Ed io che sono sceso dalla carrozza1,
senza chiedere permesso, ballo anch'io.
 
Chi só'?
Che ve ne 'mporta.
Aggio araputa 'a porta
e só' trasuto ccà.

Musica, musicante.
Fatevi mórdo onore.
Stasera, 'mmiez'a st'uommene aligante,
abballa un contadino zappatore.
 
Chi sono?
Cosa vi interessa.
Ho aperto la porta
e sono entrato qua.

Musica, orchestra.
Fatevi molto onore
Stasera, tra questi uomini eleganti,
balla un contadino zappatore.
 
No, signore avvocato,
sentite a me, nun ve mettite scuorno.
Io, pe' ve fá signore, aggio zappato
e stó' zappanno ancora, notte e ghiuorno.

E só' duje anne, duje,
ca nun scrive nu rigo â casa mia.
Si 'ossignuría se mette scuorno 'e nuje,
pur'i' mme metto scuorno 'e 'ossignurìa".
 
No, signor avvocato,
ascoltatemi, non vi vergognate.
Io, per farvi diventare signore, ho zappato
e sto zappando ancora, notte e giorno.

E sono due anni, due,
che non scrivi un rigo a casa mia.
Se vossignoria si vergogna di no,
Anch'io mi vergogno di vossignoria.
 
Chi só'?
Dillo a 'sta gente
ca i' songo nu parente
ca nun 'o può caccià.

Musica, musicante,
ca è bella ll'allerìa.
I' mo ve cerco scusa a tuttuquante
si abballo e chiagno dint' 'a casa mia.
 
Chi sono?
Dillo a questa gente
che sono un parente
che non puoi cacciare.

Musica, orchestra,
che è bella l'allegria.
Io ora chiedo scusa a tutti
se ballo e piango in casa mia.
 
Mamma toja se ne more.
'O ssaje ca mamma toja more e te chiamma?
Meglio si te 'mparave zappatore,
ca 'o zappatore nun s' 'a scorda 'a mamma.

Te chiamma ancora: "Gioja"
e, arravugliata dint' 'o scialle niro
dice: "Mo torna, core 'e mamma soja,
se vene a piglià ll'ùrdemo suspiro".
 
Tua mamma sta morendo.
Lo sai che tua madre muore e ti chiama?
Era meglio se diventavi uno zappatore,
lo zappatore non se la dimentica la mamma.

Ti chiama ancora: "Gioia"
e, avvolta nello scialle nero
dice: "Ora torna, cuore di mamma sua,
viene a prendersi l'ultimo respiro".
 
Chi só'?
Vuje mme guardate?
Só' 'o pate, i' sóngo 'o pate
e nun mme pò caccià.

Só' nu fatecatóre
e magno pane e pane.
Si zappo 'a terra, chesto te fa onore.
Addenócchiate… e vàsame sti mmane!
Chi sono?
Voi mi guardate?
Sono il padre, io sono il padre
e non mi può cacciare.

Sono un lavoratore
e mangio pane e pane.
Se zappo la terra, questo ti fa onore.
Inginocchiati… e baciami queste mani!


1 In dialetto la diligenza veniva chiamata "sciaraballo", che è una deformazione della parola francese "char-à-bancs", che letteralmente significa carro con panche.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia