ZI' CARULINA


(Capurro, Buongiovanni – 1902)


 
Cuncettèlla è na bona figliola,
ma nun tene né mamma, né pate.
Ll'aggiu vista, ce simmo spiegate
e mm'ha ditto: "Parlate a Zi-zí'".
 
Concettina è una brava figliola,
ma non ha né mamma né padre.
L'ho vista, ci siamo spiegati
e mi ha detto: "Parlate a Zi-zì".
 
E buongiorno e salute,
io na cosa sultanto
ve voglio dì.
Si a Cuncetta mm' 'a sposo,
o cunzenzo mm' 'o date,
Zí' Carulì'?
 
E buongiorno e salute,
io una cosa soltanto
vi voglio dire.
Se Concetta me la sposo,
il consenso me lo date,
Zia Carolina?
 
Arapíte 'sta scatula 'e stagno
già ca site aggarbata e curtese.
Accettate stu sordo 'e liccese1
e, surchianno2, putimmo parlà.
 
Aprite la scatola di stagno
già che siete garbata e cortese.
Accettate questo soldo di tabacco1
e, sorseggiando2, possiamo parlare.
 
E buongiorno e salute,
………………………….
 
E buongiorno e salute,
………………………….
 
Ma che fa ca nun tene 'a cammisa?
Ll'ommo buono, 'a cammisa, 'a rifiuta.
Io nun voglio 'a figliola vestuta.
Senza niente è cchiù meglio, Zi-zí'.
 
Ma cosa importa se non ha la camicia?
L'uomo buono, la camicia la rifiuta.
Io non voglio la ragazza vestita.
Senza niente è molto meglio, Zi-zì.
 
E buongiorno e salute,
………………………….
E buongiorno e salute,
………………………….


1 Il "liccese" era un tabacco da fiuto che si produceva in provincia di Lecce; da qui il nome. 2 In questo caso, il verbo “surchià”, che di solito sta per “sorseggiare”, significa “tirar su con il naso” come fa chi è raffreddato o chi, come nella canzone, fiuta tabacco.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia