ZINGARA MIA


(P. De Filippo – 1966)


 
Na zingara mm'ha ditto: "Damme 'a mano,
te voglio andivinà chi te vò' bene,
si chi te sta vicino o sta luntano
te penza e si te dice 'a verità.
Ce sta nu core giovane, nu core,
ca senza 'e te nun sape cchiù campà".
 
Una zingara mi ha detto: "Dammi la mano,
voglio indovinare chi ti vuole bene,
se chi ti sta vicino o sta lontano
ti pensa e se ti dice la verità.
C'è un cuore giovane, un cuore,
che senza di te non sa più vivere".
 
"Zingara mia, chella nun mme vò' bene.
Liéggeme meglio e truove 'a verità.
E' na figliola, tanto 'nfama e 'ngrata,
ca pure a te ha 'ngannato,
tale e quale
comm'a me.
Tene na preta 'mpietto e no nu core
e sulo pene amare pe' nu vaso sape dà.
E' na fattura
che mm'ha saputo fà,
ca mme fa tanto
chiagnere e penà.
Zingara mia, ha miso int'a sti vvène
na smania, nu veleno
ca mm'accide
e fa murì.
Dille,
dille accussì:
Nun farlo, nun farlo cchiù suffrì,
làssalo 'mpace e dalle dint' 'o core
nu poco 'e bene e de sincerità".
"Zingara mia, quella non mi vuole bene.
Leggimi meglio e trova la verità.
E una figliola, tanto infame e ingrata,
che anche te ha ingannato,
proprio
come me.
Ha una pietra nel petto e non un cuore
e solo pene amare per un bacio sa dare.
E' una fattura
che è riuscita a farmi,
che mi fa tanto
piangere e penare.
Zingara mia, ha messe in queste vene
un'ansia, un veleno
che mi uccide
e fa morire.
Dille,
dille così:
Non farlo, non farlo più soffrire,
lascialo in pace e dagli nel cuore
un po' di bene e di sincerità".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia