TUTT' 'E SSERE


(Pisano, Cioffi – 1945)


 
Comme putive dì: "Io pe' te moro"
quanno sapive ca nun era overo?
Comm'hê pututo chiagnere d'ammore
si 'e llacreme nun erano sincere?
Nun t'è rimasto niente dint' 'o core?
Niente? Nemmeno nu ricordo 'e me?
 
Come potevi dire: "Io per te muoio"
quando sapevi che non era vero?
Come hai potuto piangere d'amore
se le lacrime non erano sincere?
Non ti è rimasto niente nel cuore?
Niente? Nemmeno un ricordo di me?
 
Tutt' 'e ssere,
tu venive a 'appuntamento.
Mo ca nun ce viene cchiù,
mo ca nun ce viene cchiù,
io t'aspetto puntualmente.
 
Tutte le sere,
tu arrivavi all'appuntamento.
Ora non ci vieni più,
ora che non ci vieni più,
io ti aspetto puntualmente.
 
Tutt' 'e ssere,
quann'ê vvote 'a luna sponta,
io cu 'a luna parlo 'e te,
io cu 'a luna parlo 'e te.
Ma inutilmente.
 
Tutte le sere,
quando a volte la luna spunta,
io con la luna parlo di te,
io con la luna parlo di te.
Ma inutilmente.
 
Quanno sunava, a stesa, na campana,
dicive: "Voce 'e Dio mm'è testimone
ca io penzo sempe a te e te voglio bene".
E mm'astrignive forte forte 'a mano.
E mo mm'hê 'a dì, si na campana sona,
si t'arricuorde 'e chesta 'nfamità.
 
Quando suonava, a lungo, una campana,
dicevi: "Voce di Dio mi è testimane
che io penso sempre a te e ti voglio bene".
E mi stringevi forte forte la mano.
E ora mi devi dire, se una campana suona,
se ti ricordi di questa infamia.
 
Tutt' 'e ssere,
……………….
Tutte le sere,
……………….

Un commento su “Tutt’ ‘e ssere

  1. UN GRANDE BRANO,MA TUTTE LE CANZONI NAPOLETANE SONO POESIE E MELODIE CHE ENTRANO NEL CUORE DI CHI LE ASCOLTA CON TUTTO L’AMORE CHE HA NELLA MENTE E NEL CORPO.

Rispondi a ANTONIO CUOMO Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia