Sabato 14/9/2002 – Terza giornata -
 
Langella spegne l'urlo del Napoli.
Rete di Cammarata, ma è l'attaccante napoletano a segnare il gol del pari all'83'.
Palpitante gara nel nuovo Sant'Elia. A Colomba non bastano Stellone e Floro Flores per vincere.
 
CAGLIARI – NAPOLI 2 – 2 (13000 spettatori)

CAGLIARI (4-4-2): Pantanelli, Modesto (31'st Langella), Cuduni, Grassadonia (40'st Loria), Gorgone (22'st Pinna), Esposito, Abeijon, Carrus, Lucenti, Cammarata, Suazo.
Panchina: Mancini, Capone, Colasante, Melis. All. Ventura.
NAPOLI (4-4-2): Mancini, Troise (35'st Baldini), Bonomi, Villa, Bocchetti, Ferrarese, Vidigal, Husain, Montezine (8'st Cristiano), Floro Flores (31'st Russo), Stellone.
Panchina: Storari, Sesa, Stendardo, Pavon. All. Colomba.

MARCATORI: 2'pt Stellone, 17'pt Cammarata, 19'pt Floro Flores, 38'st Langella.

Al Napoli resta l'urlo in gola, l'urlo da tre punti. E sapete perchè? Il napoletano del Cagliari, al secolo Antonio Langella, trova il gol della vita, il primo in serie B. Entra a meno di un quarto d'ora dalla fine, quando Ventura non intende rassegnarsi alla prima sconfitta. E sette minuti dopo trova un fantastico sinistro, un gol che se fosse farina del sacco di Bobo Vieri, ne parleremmo per una settimana. Sponda di Lucenti, irruzione dello scugnizzo, applausi sinceri. Il Napoli due volte in vantaggio (Stellone e Floro Flores), due volte raggiunto. C'è tempo per rivedere la partita al videotape. Per il momento un piccolo appunto: l'eccessiva rinuncia a fare gioco nel secondo tempo. Entriamo al Sant'Elia e scopriamo… Marassi. Uno stadio tutto nuovo, stile inglese, cancellata gran parte della pista.
Non sarà il massimo dell'estetica, però è un modo per far sentire la squadra più vicina alla gente. Ventura si prende gli applausi per un ritorno molto atteso. Colomba propone una mossa a sorpresa: no a Sesa, sì a Ferrarese per accendere la fascia destra. E gli effetti sono devastanti. Anche perché Ventura non ha il tempo di ridisegnare il modulo: in un paio di giorni come avrebbe potuto? Il 4-4-2 Non è figlio suo, però cambiare sarebbe folle. Ma Ferrarese trova autostrade perché Gorgone a sinistra è un ibrido e balla il tango. Non è un caso che il Napoli costruisca due limpide palle-gol nello spazio di un minuto. Al 1' Ferrarese pennella come faceva Donadoni, una delizia per Stellone che ci mette la testa e scavalca Pantanelli proprio mentre si alza la bandierina di Griselli a segnalare un fuorigioco di Floro Flores che appoggia a porta vuota. L'impressione è che se Floro Flores non avesse toccato il Napoli avrebbe potuto festeggiare. Ma siccome Gorgone è in tilt, il Napoli manda Ferrarese al servizio che è uno spettacolo. Minuto numero due: il tornante vede Stellone e gli sussurra "spingi", è la svolta.
Mettiamoci nei panni di Ventura. Se un allenatore ha il modulo in testa e non può esibirsi, deve essere dura resistere. Il Cagliari, infatti, dà l'impressione di passare al 3-5-2 con Gorgone "parzialmente" mediano. Diciamo "parzialmente" perché è una formula sperimentale e spesso viene ripristinata la difesa a quattro. Il Napoli tiene bene in mezzo: Vidigal vigoroso, Husain lottatore, peccato che Montezine si smarrisca sul terreno di gioco pesante. Il brasiliano spedisce appena un messaggio su punizione al 7', Pantanelli si stende tutto. il Cagliari sfonda a sprazzi sulle fasce, si capisce che il cantiere è aperto. Ingabbiato Suazo, non incidono Espostito e Lucenti anche se alla distanza Ventura le proverà tutte, chiedendo persino ad Esposito di spostarsi sulla sinistra. Un numero di Cammarata da attaccante vero: sfondamento centrale, chiusura appena a lato. Bella partita, nessuno indossa la maschera, buon segno. Qualche appunto tattico: Bocchetti è bloccato a sinistra, si limita al contenimento e spesso soffre Esposito: non è sempre esemplare la distribuzione del gioco da parte dei centrocampisti di Ventura. Il pari scaturisce da una manovra bella e improvvisata al 17': cross di Grassadonia, mischia al limite, fantastica la frustata di testa con la firma di Cammarata. Però, qualcuno perde la serenità, è proprio scritto (anche alla luce dei risultati che arrivano dagli altri campi) che l'impatto notturno con la B sia ricco di emozioni. Chissà cosa passa per la testa di Cudini a 19': il difensore vorrebbe appoggiare a Pantanelli, non si accorge che il portiere è fuori dai pali. Scavalcato Pantanelli, una manna per Floro Flores che trova la rapina nella solitudine. E così salta tutto: la paura di osare, la pazienza di aspettare una mossa dell'avversario, la serenità di chi ha commesso qualche strafalcione (Gorgone e Cudini in testa). E Suazo non offre un segnale? Ne offre tre: non arriva su un corridoio apertogli da Cammarata, così l'honduregno decide di esibirsi (due volte) su punizione. Il primo Suazo (32') da trenta metri, quasi invidioso di un tentativo (sei minuti prima) di Stellone appena a lato: eccellente la risposta di Mancini. Il secondo Suazo al 39': una rasoiata, il portiere del Napoli ci mette i pugni, sulla sponda Abeijon non trova la coordinazione.
Il secondo tempo del Cagliari è un inno al 4-3-3, inevitabile scelta. Espostito largo a destra si attiva, ma a centrocampo manca la qualità di Lucenti e i collegamenti sono carenti come in un giorno di sciopero delle FS. Abbiamo le prove: il Cagliari cerca di prendere la porta soltanto su punizione, specula troppo Mancini (e presto incasserà un cartellino giallo) al momento del rinvio. Sulla punizione, dentro l'area, Suazo non prende l'incrocio per un inezia. Nel frattempo Colomba sceglie Cristiano e si priva di un ispido Montezine. Il passaparola: soffriamo in trincea con uno specialista in più. Infatti, il Napoli ha un piccolo vizio: non cerca più di proporsi sull'asse Ferrarese-Stellone-Floro Flores. Però, la difesa tiene, collaudati i sincronismi tra Villa e Bonomi. Il Cagliari dovrebbe inventarsi qualcosa, altrimenti il rischio è affogare nella routine. Ventura pesca Pinna e rinuncia a Gorgone, tatticamente non è una rivoluzione. Colomba continua a chiudersi (fuori Floro Flores, dentro Russo), non immagina che è in arrivo il Langella-show.
 
MANCINI 6.5
TROISE 6.5 (35'st Baldini sv)
VILLA 6.5
BONOMI 6.5
BOCCHETTI 5.5
FERRARESE 6.5
VIDIGAL 6.5
HUSAIN 6
MONTEZINE 5 (8'st Cristiano 5.5)
STELLONE 6.5
FLORO FLORES 6.5 (31'st Russo sv)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia