Domenica 17/11/2002 – Dodicesima giornata -
 
Chevanton risponde a Stellone.
L'uruguaiano, che aveva fallito dal dischetto, sigla il pari ma poi si fa cacciare.
Gli azzurri, contestati, protestano per un fallo su Dionigi. Espulsi Abruzzese e Ferrarese.
 
NAPOLI – LECCE 1 – 1 (14076 spettatori)

NAPOLI (3-4-1-2): Storari, Troise (40'st Montezine), Baldini, Bonomi, Saber (19'pt Ferrarese), Vidigal, Husain, Bocchetti, Sesa, Dionigi, Stellone (34'pt Floro Flores).
Panchina: Gragnaniello, Stendardo, Quadrini, Platone. All. Colomba.
LECCE(4-2-2-2): G. Rossi, Zoppetti (3'st Savino), Silvestri, Abruzzese, Donadel, Piangerelli, Tonetto, Giorgetti, Giacomazzi (39'st Corallo), Vucinic (17'st Di Vicino), Chevanton.
Panchina: Pololeksic, Billy, Ledesma, Superbi. All. D. Rossi.

MARCATORI: 27'pt Stellone, 33'pt Chevanton.

Striscioni al veleno, cori ostili, minacce verbali urlate dalle due curve: il Napoli in un inferno. Quindicimila fischi. Meglio che giocare allo stadio di via del Mare, per il Lecce. Il Napoli ne deserto del San Paolo, che s'è confermato casa di un tabù ormai diventato non esorcizzabile dalla palese incapacità di una squadra sprovvista di argomenti tecnici, ancorchè dalla circostanza in smaccata versione d'attacco. Colomba ha mosso invano l'intero arsenale a sua disposizione. Incapace e scalognato il Napoli: trauma alla spalla per Stellone, perso per due mesi. Neanche in superiorità numerica, 11 contro 10 dal 22' della ripresa, il Napoli è riuscito a conquistare l'abbraccio della vittoria sul proprio campo. Doppio giallo per Abruzzese, il successo sembrava possibile. Invece niente: solo una cieca generosa aggressione. Il Lecce sfinito ripiegato su se stesso, due prodezze di Generoso Rossi, un calcio di rigore abbastanza grosso negato nel finale a Dionigi, affondato in volo a quattro metri dalla porta leccese, dopo la simultanea espulsione di Ferrese e Chevanton, al 37' della ripresa. Lontanissimo dall'ideale zemaniano di Delio Rossi, un Lecce in versione assai modesta lascia Fuorigrotta con un punto. Settimo pareggio consecutivo, ma così diventa difficile legittimare la propria per la serie A. Chevanton di furbizia e d'agilità, il destro in diagonale a capitalizzare l'ennesimo abituale svarione difensivo napoletano, a pareggiare l'incornata vincente di Stellone, e a riparare l'errore commesso dal dischetto. Prodigio di Storari, ma rigore sbagliato da Chevanton, sullo 0-0. Il Napoli investito dalla rabbia popolare nello stadio abitato dallo sciopero evidente del tifo. Incapacità e sfortuna, non certo stavolta le scelte tecniche dell'allenatore, hanno partorito un solo misero punto. Il Napoli è laggiù, terz'ultimo, in zona C. Napoli è una polveriera, tout court. Speriamo che la situazione non degeneri in atti scomposti, annunciati dai cori curvaioli.
Scampata la minaccia su calcio di rigore (l'unica decisione non sindacabile dell'arbitro Pieri, per chiaro fallo di Troise su Chevanton, al 22' del primo tempo), il Napoli ha colpito con Stellone. Capitalizzato al massimo, in incornata, il lungo cross teso di Sesa da sinistra. La posizione dello svizzero, trequartista defilato sull'out, ha creato evidenti disagi nel campo avversario. Colomba s'è affidato ad un falso tridente e ad una formazione d'attacco. Laddove Delio Rossi con il 4-2-2-2 ha provato a confondere le idee al dirimpettaio con Donadel e Piangerelli davanti ai quattro della difesa, Giacomazzi e Giorgetti a sostegno del suo attacco. Il primo padrone assoluto per 25'; una costante minaccia l'esterno destro con i suoi inserimenti profondi. Nell'inferno, il Napoli s'è raccapezzato dopo la prodezza di Storari sull'esecuzione dal dischetto di Chevanton, avendo mancato però il gol precoce in abbrivo di gara: oltre la traversa la ciabattata al volo di Stellone da posizione invitante. Ritrovati scampoli d'efficienza in Husain e Vidigal, il Napoli ha pressato l'avversario, ripiegante nella sua trequarti. Nondimeno bisogna però definire atteso il vantaggio del Napoli, salutato dall'ovazione dei presenti, feroci contestatori fino a pochi secondi prima. la lunga parabola al bacio di Sesa, l'incornata di Stellone, sorpreso Generoso Rossi.
Poca roba il Napoli, come il Lecce più o meno. Dionigi è sembrato come perso, in conseguenza del doloroso abbandono di Stellone. E proprio mentre il capitano stazionava sulla barella a bordocampo, Chevanton ha messo la griffe sul pareggio leccese. Baldini e Troise dormienti, la zampata dell'uruguagio. il Napoli raggiunto e ferito dal morso di questo autentico cobra al settimo centro in campionato. Strano a dirsi, però stavolta non s'è abbattuto, non ha lasciato al Lecce il campo, il gioco, la partita. Anzi l'ha pressato, tentando il colpo dalla distanza. Il napoletano Generoso Rossi s'è opposto con bravura acrobatica e riflesso felino a Sesa e Floro Flores, piede caldo e centrato. Il Lecce rinculante nella sua metà nella ripresa, solo il lob di Giacomazzi che ha scavalcato Storari, ma non l'ultimo difensore napoletano. Martellante ma privo di ulteriori validi argomenti il Napoli. L'impegno c'è, purtroppo manca la qualità, e le cose si complicano in presenza della contestazione e dell'appoggio negato. Il ritorno del calcio di giorno al San Paolo non è bastato. La nottata del Napoli minaccia di non finire più.
 
STORARI 7
TROISE 4.5 (40'st Montezine sv)
BALDINI 5
BONOMI 6
BOCCHETTI 5
SABER sv (19'pt Ferrarese 4.5)
VIDIGAL 5
HUSAIN 5.5
SESA 6.5
STELLONE 6.5 (34'pt Floro Flores 6)
DIONIGI 5.5

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia