Sabato 27/03/2004 – Trentacinquesima giornata -
 
Dionigi brucia il Cagliari.
I sardi restano in 10 (espulso Maltagliati) e il Napoli segna subito il gol vittoria.
Secondo successo consecutivo per Simoni. Reja cade dopo 12 turni.
 
NAPOLI – CAGLIARI 1 – 0 (20945 spettatori)

Arbitro: Cassarà di Palermo.
Guardalinee: G. De Santis – Grilli.

NAPOLI (4-4-1-1): Manitta, Zamboni, Portanova, Carrera, Tosto (38'st Martinez), Del Grosso, Montesanto, Bernini, Vidigal, Zanini (20'st Vieri), Dionigi (44'st Sesa).
Panchina: Brivio, Bonomi, Esposito, Savoldi. All. Simoni.
CAGLIARI (4-3-3): Pantanelli, Lopez, Maltagliati, Loria, Agostini (24'st Sabato), Conti, Brambilla (33'st Bianchi), Albino, Esposito (20'st Langella), Suazo, Zola.
Panchina: Iezzo, Pinna, Delnevo, Capone. All. Reja.

MARCATORI: 27'st Dionigi.

Una perla di Davide Dionigi, gode Napoli. Destro di controbalzo, roba da videoteca a colori. Il Cagliari si arrende dopo oltre due mesi, paga l'inferiorità (Maltagliati espulso al 20'st) e una strana morbidezza negli ultimi venti metri. Non è giusto chiedere la luna a Zola, bisogna cercare le strade alternative. Altrimenti l'avversario si organizza e buonanotte. Zola non sarà al top, però bisogna individuare le scorciatoie. Brutta frenata per il Cagliari che vuole abbandonare l'inferno della B. Ma al Napoli non interessa: la perla di Dionigi è la sintesi di una prestazione orgogliosa e piena di sostanza.
Tatticismi zero, è la traccia del San Paolo. Il pareggio questo sconosciuto: non serve, nessuno lo cerca. Gli occhi su Zola, inevitabile, cercando quelle "mattonelle" (se fosse un parquet sarebbe proprio così) che gli hanno spalancato le porte di una carriera strepitosa. Da qui è partito Zola, impossibile non entrare idealmente nella macchina del tempo per pochi secondi. Napoli arrembante, spavaldo, convinto. Dieci minuti per entrare in partita, per leggerla nei dettagli. Simoni sceglie il modulo a una punta, Dionigi, con Zanini in appoggio. E l'approccio gli regala una spruzzata di ottimismo. Il Napoli è corto, concentrato, ispirato. Aspetta il Cagliari, lo vuole stanare, gli piacerebbe colpirlo. Funziona il lavoro dei quattro centrocampisti che vanno su Brambilla e Conti e staccano i collegamenti. Cerchiamo traccia, la troviamo. In blitz di Tosto (3') su angolo di Zanini, inzuccata appena alta. E poi, siccome Nik il trequartista in avvio è ispirato, ecco la colossale palla-gol del 10': Zanini controlla e smista da consumato artista, il diagonale di Vidigal sembra una sentenza, eppure finisce fuori. A noi sembra decisiva una deviazione di Pantanelli, invece no.
Il Cagliari, che recupera tutti i titolari, ha un vizio congenito: non cerca Suazo negli spazi. Esposito incrocia, scatta e vorrebbe spaccare il mondo, in realtà non c'è il break. Il centrocampo assiste poco, la circolazione è lenta, lo stesso Zola aspetta che si accenda la lampada. Abbiamo la riprova al 15': Esposito per l'honduregno che ha le spalle alla porta, infatti Suazo s'incarta. La partita, che prometteva parecchio, finisce all'improvviso in uno stagno. Il Napoli non riesce più a ripartire, il Cagliari si adegua, viviamo qualche minuto di calma piatta. Un'annotazione: Dionigi, isolato, dovrebbe avere assistenza ogni dieci secondi, altrimenti è costretto a trasformarsi in trequartista. La conseguenza è che, così, il Napoli resta lontano da Pantanelli. In effetti, il taccuino (a lungo immacolato) è un giudice supremo. L'interpretazione difensiva del Cagliari è apprezzabile, attento Loria, però qualsiasi pacchetto arretrato al mondo andrebbe in asfissia se ci fosse un cambio di passo, una triangolazione stretta, un'invenzione. Appena un tiro contrato da Vidigal (36') anticamera delle emozioni.
Zola, ingabbiato, parte da lontano ma non incide. Una punizione da metri venticinque (fallo di Portanova su Esposito al 40'), la sassata di "magic box" si infrange sulla barriera. Accendete qualche cerino, ne avremmo bisogno. Manca poco all'intervallo, e ascoltano questo messaggio, ci accontentano. Il primo cerino è del Napoli al 41': Vidigal dai venti metri, Pantanelli si distende a deviare e poi si rifugia in angolo sul tap-in di Dionigi da posizione complicata. Doppio balzo da applausi. Due giri di lancetta per il secondo cerino che accende il San Paolo: Zola in verticale per Esposito, morbido cross per Suazo arrembante e in arrivo sul primo binario, fondamentali Portanova e Carrera nel fare da scudo. A Suazo torna l'appetito, ci prova in pieno recupero: Manitta è allertato e respinge.
Il Napoli torna lungo in avvio di ripresa. Il discorso è semplice: Zanini non assiste e il giochino "solo contro tre" penalizza inevitabilmente Dionigi. Le buone notizie per Simoni riguardano la difesa, perfetta la cerniera Zamboni-Portanova-Carrera. Un tentativo a vuoto di Del Grosso, ma la domanda è un tormentone: quando il Cagliari avrà lo spazio per proporre gli attaccanti che sono spietati velocisti? Il Napoli si distrae al 13' e da una punizione non capitalizzata scatta l'arma di Reja: le lunghe leve di Suazo, che ha dieci praterie a disposizione, la volata di Esposito che restituisce al "figlio del vento" per una chiusura volante a pochi cm dall'angolino. E' un messaggio, quello del Cagliari: dammi spazio, posso farti male. Non funzionerà. Il Napoli è attento e diligente, con la testa nella partita. Qualcosa succederà, non può finire così. Simoni sceglie Vieri e scarta Zanini, la risposta di Reja coinvolge Langella e penalizza Esposito. Ma non abbiamo il tempo di annotare, Maltagliati ultimo baluardo stende Dionigi: rosso inevitabile. Reja ha la necessità di convocare un altro centrale, adatta Sabato e rinuncia ad Agostini. Ma il Napoli sa che il raccolto è vicino, storia del 27': tenace Del Grosso che mette in mezzo da destra, Lopez salta a vuoto, meravigliosa l'esecuzione di Dionigi, stop di petto e destro di controbalzo che nessun portiere saprebbe respingere. La reazione del Cagliari contiene appena una punizione di Albino, alta. Ma è la notte del Napoli e di un San Paolo che non vedeva l'ora.
 
MANITTA 6
PORTANOVA 6.5
BONOMI 6.5
ZAMBONI 6.5
TOSTO 6.5
DEL GROSSO 6.5 (38'st Martinez sv)
MONTESANTO 6
BERNINI 6.5
VIDIGAL 6.5
ZANINI 6 (20'st Vieri 6)
DIONIGI 7 (44'st Sesa sv)
Simoni 7

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia