Domenica 05/06/2005 – Semifinale play off - Ritorno -
 
Napoli, marcia da B.
Capparella show: segna e procura il rigore della tranquillità.
 
NAPOLI – SAMBENEDETTESE 2 – 0 (58585 spettatori)

Arbitro: Marelli di Como.
Guardalinee: Coriolato e Costa.

NAPOLI (4-3-3): Gianello, Grava, Accursi, Giubilato, Bonomi (42'st Mora), Montervino, Fontana (5'pt Montesanto), Corrent, Capparella (33'st Abate), Pià, Sosa.
Panchina: Renard, Romito, Consonni, Calaiò. All. Reja.
SAMBENEDETTESE (4-2-3-1): Mancini. A. Femiano (1'st Alberti), Taccucci, Canini, Colonnello, Amodio (20'st Dominguez), Cigarini, Leon, Bogliacino, Tedoldi (31'pt Da Silva), Martini.
Panchina: Spadavecchia, F. Femiano, De Rosa, Favaro. All. Ballardini.

MARCATORI: 10'pt Capparella, 42'pt Sosa (r).

Due gol in sette giorni, Capparella è l'uomo dei play off. Provvidenza e manna dal cielo per il Napoli, la Sambenedettese colpita a San Benedetto e affondata al San Paolo. La conclusione stavolta di sinistro, di prima intenzione, ad onorare il numero in dribbling e il cross all'indietro di Pià, all'alba della partita impregnata di evidenti tensioni, a spingere dolcemente il Napoli incontro alla finale che mette in palio la promozione in B. Lo stadio in delirio al 10' del primo tempo, non è un'esagerazione. Sessantamila cuori in festa, record stagionale d'incasso, più di un milione di euro, non di presenze: possenti e squassanti l'urlo e i cori. Napoli eccitata dalle prime, confuse, imprecise notizie provenienti da Avellino: vuoi vedere che la Reggiana? Invece niente, per la promozione sarà ancora derby. "E adesso a caccia di lupi", lo striscione esposto alla balaustra del settore distinti, a finale acquisita, rappresentativo della voglia e del desiderio di Napoli, giammai dell'insulto o dell'arroganza.
Napoli contenta, persino soddisfatta. Millecinquecento marchigiani mai rassegnati nel settore riservato agli ospiti. I giocatori della Sambenedettese sotto la curva, grazie di tutto. I cuori sambenedettini martoriati dall'uomo dei play off. Firmato il gol liberatorio della gioia napoletana, Capparella ha consegnato ai 60'000 e al Napoli anche la certezza della finale. Percussione prepotente, in velocità, Colonnello superato in tromba e costretto ad usare la gamba sinistra e ad aiutarsi col braccio all'altezza della linea di fondo. Calcio di rigore, perentoria e di forza l'esecuzione di Sosa, pallone a destra, Mancini carponi a sinistra. Minuto 42' del primo tempo, 2-0, la finale in ghiaccio e partita finita. Un esito, questo, arrivato addirittura in ritardo: il Pampa ha mancato il raddoppio alla mezz'ora, ciccata letteralmente la deviazione a due metri da Mancini ormai battuto, sul cross eseguito da Montervino a capo di una irresistibile serpentina.
Capparella l'uomo dei play off, Pià un incontenibile guastatore, Bonomi attento e ringhiante su Leon, all'altezza gli altri. Ma una roba inattesa e imprevista Montervino, incontrista e percussore, e anche punto di riferimento dopo il precoce abbandono di Fontana, al 5'. Montesanto il sostituto del regista, una buona mossa: il vantaggio napoletano ha privato la Sambenedettese del contropiede. Cigarini e Bogliacino hanno provato invano a ribaltare l'inerzia della partita. Persa l'arma della ripartenza, La Sambenedettese è sembrata l'epico Sansone privato della sua chioma. Una botta a canna lunga di Leon, seminatore di preoccupazioni nel campo avversario solo con i suoi tiri da fermo: tutto qui il primo tempo della banda di Ballardini. Fuori partita Tedoldi, palesi i disagi di Femiano al cospetto di Pià, solari gli imbarazzi di Colonnello sulle incursioni di Capparella.
Risolutivo il 4-3-3 riproposto da Reja a distanza di 80 giorni dall'ultima volta; senza esito gli accorgimenti di Ballardini. Un attaccante, Da Silva, inserito al fianco di Martini, prototipo della generosità e della non arrendevolezza, però stavolta disinnescato da Accursi e Giubilato, quasi impeccabili. Leon dirottato a sinistra. La mossa ancora sull'1-0, poi addirittura un altro attaccante, Alberti, in avvio di ripresa. Il tentativo di ribaltamento vanificato dalla costante attenzione del Napoli. In campo, accenni di rissa, tensione e nervosismo sono cresciuti con il passare dei minuti. La tenace Sambeneettese e il suo seguito tifoso mai si sono rassegnati all'uscita di scena. Leon s'è tenuto costantemente sopra le righe, la sua partita personale con l'arbitro e guardalinee è finita al 6' della ripresa. Fallaccio su Bonomi, rosso diretto, l'honduregno espulso. Sambenedettese in 10 graziata da Capparella, liberato dalla torre di Sosa e da un maldestro intervento di Amodio. La conclusione in solitudine scaricata su Mancini in uscita.
Sambenedettese in inferiorità numerica, Napoli sicuro e granitico, in grado di governare la partita e il risultato. Abate per Capparella, il pallino del contropiede è passato al Napoli. Due volte vicino al gol Pià, in mezzo alle proteste marchigiane: intervento in scivolata di Giubilato, il pallone a pelo d'erba gli è rotolato casualmente sul braccio. Melina finale e torello del Napoli sottolineati da 60'000 olè del popolo felice.
 
GIANELLO 6
GRAVA 6
ACCURSI 6.5
GIUBILATO 6.5
BONOMI 6 (42'st Mora sv)
MONTERVINO 7
FONTANA sv (5'pt Montesanto 6.5)
CORRENT 6
CAPPARELLA 7.5 (33'st Abate sv)
PIA' 7
SOSA 6.5

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia