Domenica 19/03/2006 – Ventisettesima giornata -
 
Calaiò avvicina il Napoli alla B.
Sosa agevola la doppietta dell'attaccante. quarta vittoria consecutiva per Reja.
 
NAPOLI – PISA 2 – 0 (21272 spettatori)

Arbitro: Scoditti di Bologna.
Guardalinee: Franzi e Galloni.

NAPOLI (4-4-2): Iezzo, Grava, Maldonado, Giubilato, Cupi (42'st Briotti), Trotta, Montervino, Bogliacino, Capparella (39'st Amodio), Sosa, Calaiò (22'st Fontana).
Panchina: Gianello, Romito, Montesanto. All. Reja.
PISA (3-5-2): Poggioni, Fedeli, Andrisani (38'st Bevo), Galluppo, Di Fausto, Gambadori, Giardina, Marino (26'st Peluso), Ulivi, Palumbo (29'st Pellechia), Baggio.
Panchina: Giambruno, Lazzeri, Zitolo. All. Mariani.

MARCATORI: 10'pt Calaiò, 16'pt Calaiò.

Agli esteti può anche piacere a metà, ma il Napoli sfreccia come un eurostar verso il traguardo-promozione. Due gol in sei minuti, entrambi con la firma di Calaiò ed anche pratica-Pisa in archivio. Quarta vittoria consecutiva dei partenopei (mai accaduto finora), secondo successo consecutivo al San Paolo, quarta gara senza subire reti. La capolista va assumendo sempre di più le sembianze di un diesel di lusso che accende il turbo quando vuole e poi decelera mirando ad arrivare alla meta in assoluta scioltezza. Mentalità da prima della classe, apprezzata stavolta anche da De Laurentiis che si diverte ad ammirare il suo Napoli fin troppo autoritario, anche se spumeggiante solo a tratti.
Il Pisa, però, spiana la strada ai padroni di casa commettendo due ingenuità macroscopiche in occasione dei gol. Crolla in una manciata di minuti il dispositivo tattico preparato dai toscani (cinque uomini predisposti alla fase difensiva). Al 10', da uno scambio tra Grava e Capparella, nasce l'azione che sblocca il risultato: scatta in ritardo il fuorigioco dei Pisani e Calaiò si trova sul sinistro un pallone troppo invitante per non indirizzarlo in rete. Passano altri sei minuti e Bogliacino con un lancio di trenta metri pesca la testa di Sosa. Perfetta la torre del Pampa a servire Calaiò da solo davanti a Poggioni: ancora un tocco di testa ed è il raddoppio.
Esultano i tifosi di fede azzurra. Il Napoli c'è, ha voglia di far sua la gara ed anche senza Pià la pericolosità in avanti è garantita. Con Sosa a fare da sponda cambia il modo per arrivare in gol ma se ne avvantaggia soprattutto Calaiò, meno pressato del solito ed ispirato più che mai; con Bogliacino, confermato in cabina di regia, e con Montervino, assatanato, i rifornimenti arrivano puntuali dalle retrovie. Ma non sarà goleada come tanti sospettano.
Il Pisa, colpito due volte a freddo in 16 minuti, prova a riorganizzarsi. Mariani ordina di passare al 3-4-3 e di avanzare il baricentro. Al 29' Baggio calcia a colpo sicuro, ma sulla traiettoria c'è Maldonado. Al 30', su azione di angolo, Iezzo vede sbucare all'ultimo momento la sfera e l'abbranca con sicurezza. Il Napoli bada a controllare la sfuriata dell'avversario più che pigiare ancora sull'acceleratore. E al 39', l'unica vera occasione da gol dei pisani: gran tiro dalla distanza di Palumbo, Iezzo respinge con bravura ma la sfera capita sui piedi di Baggio che indirizza di nuovo a rete. e qui, la reattività del portiere del Napoli ha dell'incredibile: Iezzo, come una molla, scatta e respinge ancora.
Nella ripresa, il Pisa insiste nel suo tentativo di rimonta. Ma la sua azione s'infrange puntualmente sull'attenta difesa del Napoli. Al 4', poi, Baggio spreca. Neanche gli ingressi di Peluso e Pellecchia servono a trasmettere maggiore consistenza offensiva agli ospiti. Maldonado e soci reggono così bene all'urto da consentire al Napoli di giocare al piccolo trotto fino al termine. Anzi, in un paio di controfughe, prima Sosa (20') e poi Capparella (27') vanificano la possibilità di centrare il terzo bersaglio. Reja toglie Calaiò per inserire Fontana ma c'è solo spazio per un tiro-cross di Giardina che non sorprende Iezzo. Va bene così anche per De Laurentiis. Niente picconate stavolta, il Napoli ha vinto in scioltezza ma dopo aver mostrato determinazione nel voler ottenere la vittoria, era quello che chiedeva il presidente, al di là dello spettacolo calcistico. Ora la B sembra più vicina.
 
IEZZO 7
GRAVA 6.5
MALDONADO 6.5
GIUBILATO 6
CUPI 6 (42'st Briotti sv)
TROTTA 6
MONTERVINO 6.5
BOGLIACINO 6.5
CAPPARELLA 6 (39'st Amodio sv)
SOSA 6
CALAIO' 7 (22'st Fontana sv)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia