3ª GIORNATA

Napoli si gode la premiata ditta Lavezzi-Hamsik


E fa ancora festa Zalayeta gol

Serie A
dom 16/09/07

NAPOLI

SAMPDORIA

stadio San Paolo
45000 spettatori
napoli sampdoria  
arbitro Gava – 6
guardalinee Cariolato – Pugiotto
quarto uomo Valeri

2

0

 
gol 42'pt Zalayeta giallo Zenoni  
gol 31'st Hamsik giallo Delvecchio  
giallo Blasi giallo Sala  

NAPOLI (3-5-2): Iezzo, Cupi 7, P. Cannavaro, Domizzi, Grava, Blasi, Gargano, Hamsik (41'st Bogliacino), Savini (34'st Contini), Zalayeta, Lavezzi (44'st Calaiò).
Panchina: Gianello, Montervino, Sosa, De Zerbi. All. Reja.
SAMPDORIA (3-4-1-2): Castellazzi, Luccchini (13'pt Gastaldellio), Sala, Bastrini (19'st D. Franceschini), C. Zenoni, Palombo, Sammarco, Pieri, Delvecchio, Caracciolo, Montella (29'st Bellucci).
Panchina: Mirante, Poli, Kalu, Foti. All. Mazzarri.

Godi Napoli. E goditi questi due ragazzi che promettono di farti Grande. Hamsik e Lavezzi non sono meteore, ma vere stelle. E sono giovani, tanto giovani e questo significa che impreziosiscono il presente e possono ancor di più esaltare il futuro. Lavezzi nel primo tempo ha praticamente da solo annichilito la difesa della Sampdoria. Il povero Bastrini ha vissuto un pomeriggio infernale davanti a quell’argentino indiavolato, dalla prepotente forza muscolare e dalla grande sensibilità nei piedi. Quando è uscito, colto dai crampi, ha probabilmente tirato un sospiro di sollievo perché il suo personalissimo calvario era finito (incredibile l’errore sul primo gol: lancio in verticale di Domizzi praticamente innocuo; Castellazzi avrebbe potuto controllare tranquillamente invece il portiere si è ritrovato addosso il compagno; palla perduta che finiva sui piedi di Zalayeta ben dentro l’area; porta spalancata e gol).
La forza muscolare di Lavezzi si sposa in maniera perfetta con l’istinto geometrico, la creatività, la capacità di andare in verticale di Marek Hamsik, reduce da due partite con la sua nazionale (la Slovacchia), dato per affaticato (tanto è vero che si pensava a un suo avvicendamento con Bogliacino) e che invece ha dato il meglio di sé nel secondo tempo realizzando un gol di straordinaria bellezza che se non fosse per l’arditezza del paragone potrebbe essere inserito nel catalogo maradoniano ( passaggio di petto di Lavezzi ad Hamsik che chiedeva il triangolo a Zalayeta; lo slovacco entrava dentro l’area con una «veronica» si liberava di Castellazzi e di esterno metteva dentro. Un tripudio).
E’ un Napoli bello che ha sciolto un enigma: la partita col Cagliari è stata una parentesi perché la squadra vera è più quella vista all’opera con l’Udinese che quella andata in campo contro i sardi. Certo, la Samp con la sorte ha contratto qualche debito. In partenza a Mazzarri mancava Volpi, uomo decisivo in mezzo al campo (e da un punto di vista geometrico, la sua assenza i doriani l’hanno avvertita). Nella notte, poi, Bellucci è stato colto da un attacco gastroenterico: in panchina e al suo posto il duo d’attacco Caracciolo-Montella; dietro di loro Delvecchio che ha controllato in maniera arcigna Gargano. Poi, dopo appena 12' minuti, Mazzarri ha perso pure Lucchini. E da quel momento in poi la partita per i doriani è stata una lunga discesa verso l’inferno. Perché Palombo e compagni hanno smarrito tutte le idee di gioco diventando vulnerabilissimi a livello difensivo (ai due gol, il Napoli aggiunge anche una traversa colpita da Zalayeta con una conclusione di testa, una parata di piede di Castellazzi su conclusione ravvicinata di Calaiò servito nell’area piccola da Bogliacino con un pallonetto).
Reja ha fugato molti dubbi, fornito risposte nette e dimostrato che il centrocampo napoletano ha straordinarie doti offensive (non a caso il Napoli è andato qualche volta in sofferenza sui contropiedi per vie centrali, tallone d’Achille inevitabile avendo in sostanza solo un uomo, Blasi, che garantisce grande copertura e forza fisica): reparto di piedi buoni che si esalta sullo stretto, nei colpi di Hamsik e nelle ripetute accelerazioni di Lavezzi.
 
IEZZO 6
CUPI 7
CANNAVARO 6.5
DOMIZZI 6.5
GRAVA 6
BLASI 7.5
GARGANO 6
HAMSIK 8
SAVINI 6 (34'st Contini sv)
LAVEZZI 8 (44'st Calaiò sv)
ZALAYETA 7

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia