15ª GIORNATA

Assist di Bogliacino, settimo gol di Zalayeta


Poi il Napoli soffre ma cancella Bergamo con tre punti d'oro

Serie A
dom 09/12/07

NAPOLI

PARMA

stadio San Paolo
40000 spettatori
napoli parma  
arbitro Rocchi – 6
guardalinee Calcagno – Griselli
quarto uomo Palanca

1

0

 
gol 18'pt Zalayeta ammonizione Dessena  
ammonizione Lavezzi ammonizione Coly  
ammonizione Grava  
ammonizione Blasi  
ammonizione Savini  

NAPOLI (3-4-1-2): Iezzo, Cupi, Cannavaro, Contini, Grava, Blasi, Gargano (39'st Hamsik), Savini, Bogliacino, Lavezzi (30'st Calaiò), Zalayeta (45'st Sosa).
Panchina: Gianello, Maldonado, Rullo, Montervino. All. Reja.
PARMA (4-3-2-1): Bucci, Coly, Paci, Falcone, Zenoni (39'st Paponi), Dessena (16'st Morfeo), Parravicini, Mariga, Reginaldo (26’st Matteini), Pisanu, Corradi.
Panchina: Pavarini, Cardone, Tombesi, Couto. All. Di Carlo.

Per ritrovare la strada smarrita, il Napoli torna all’antico. Anima e cuore, umiltà e coraggio, niente calcio spettacolo. Ed il Parma va ko ad opera del solito Zalayeta, alla settima rete stagionale. La pantera colpisce di nuovo al San Paolo. Affondò il Catania con una doppietta, ha tramortito Bucci con un colpo da manuale.
Solo Reja sa quanto pesa nella testa dei suoi quel macigno di Bergamo. Così il tecnico del Napoli si limita a raccomandare ai suoi di usare più la testa che le gambe; di limitare certe scorribande; di giocare d’astuzia. Lascia fuori Hamsik, apparso uno dei più affaticati, lanciando nella mischia Bogliacino. Reja vorrebbe far riposare anche Gargano ma non può. Manca il sostituto naturale. Ma è proprio Bogliacino con il suo gravitare tra centrocampo ed attacco a modificare di quel tanto l’atteggiamento tattico del Napoli da creare qualche problema alla difesa del Parma. L’uruguagio va a cercare spesso lo scambio con Lavezzi, ispirato nonché dispersivo a chiedere l’uno-due al connazionale Zalayeta.
Il Parma sembra risentire oltremisura delle assenze di Cigarini, Castellini e Gasbarroni. Mostra più di un affanno nei disimpegni anche se al 2', Mariga (uno dei più reattivi) di testa fa venire i brividi a Iezzo. E quando tenta di ripartire, con Reginaldo a destra o Pisanu a sinistra, la formazione emiliana trova delle autentiche dighe in Savini e Grava, attenti nell’anticipare, come nel prestarsi alle diagonali. Al 18', il Napoli passa in vantaggio. Solito triangolo sulla trequarti tra Bogliacino e Lavezzi. L’uruguagio tenta il lob a servire Zalayeta, gli riesce a meraviglia, la difesa del Parma sonnecchia ed il panterone in mezza giravolta fulmina Bucci.
A questo punto il Napoli, che sa di avere un Gargano non al meglio della condizione, stringe ancora di più le maglie tra centrocampo e difesa. Lascia solo Lavezzi e Zalayeta a fare da guastatori in attacco, invitando Bogliacino a partecipare prevalentemente alla fase di contenimento. Nel frattempo cresce a centrocampo Blasi, sale di tono Cannavaro e gli assalti del Parma portati peraltro senza convinzione e s'infrangono quasi sul nascere.
Di Carlo si sbraccia vanamente dalla panchina. Chiede a Reginaldo e Pisanu di avanzare di quel tanto da formare un tridente con Corradi. Mancano però rifornimenti validi. Manca fluidità nell’azione dei centrocampisti. E persiste il timore che alla prima occasione Lavezzi e Zalayeta possano piazzare il colpo del ko. Soltanto nei minuti di recupero, il Parma arriva vicinissimo al pareggio. Ma Reginaldo e Corradi si ostacolano al momento della battuta a rete e Iezzo si salva da una sicura capitolazione.
Nella ripresa, il clichè non cambia. Napoli sempre attento e prudente al punto giusto. Sposa in toto il mordi e fuggi, una strategia che raccoglie consensi anche tra i circa quarantamila accorsi al San Paolo nonostante la serata piovosa e umida. Dagli spalti, la partecipazione è sentita e costante. Soprattutto quando nel Parma entra Morfeo, subito preso in consegna da Cupi. Piovono fischi quando gli emiliani attaccano. E Cannavaro e soci rispondono alla loro maniera con un colpo da biliardo di Lavezzi in controfuga sventato da Falcone a porta vuota. Per il Parma diventa dura insidiare Iezzo.
 
IEZZO 6
CUPI 6 (33'pt Bogliacino 5)
CANNAVARO 6.5
CONTINI 6
GRAVA 6
BLASI 6
GARGANO 6 (39'st Hamsik sv)
SAVINI 6.5
BOGLIACINO 6.5
LAVEZZI 6.5 (30'st Calaiò sv)
ZALAYETA 5 (45'st Sosa sv)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia