13ª GIORNATA

Un grande Napoli stende il Bologna

Risorgono Maggio e Hamsik. Ancora in gol Cavani

serieA
dom 21/11/10

NAPOLI

BOLOGNA

stadio San Paolo
39626 spettatori
napoli bologna  
arbitro Gervasoni 7
guardalinee Bianchi R. – Iannello
quarto uomo Doveri

4

1

 
     
gol 02′pt Maggio gol 23′st Meggiorini  
gol 37′pt Hamsik  
gol 3′st Hamsik  
gol 29′st Cavani  

NAPOLI (3-4-2-1): De Sanctis, Santacroce, Cannavaro (23′pt Cribari), Campagnaro, Maggio, Gargano, Pazienza, Dossena, Hamsik (12′st Sosa), Lavezzi, Cavani (31′st Maiello)
Panchina: Iezzo, Grava, Vitale, Dumitru. Allenatore: Mazzarri.
BOLOGNA (4-3-3): Viviano, Garics (1′st Siligardi), Portanova (20′st Moras), Britos, Rubin, Ekdal, Krhin, Della Rocca, Buscè, Di Vaio, Gimenez (1′st Meggiorni)
Panchina: Lupatelli, Casarini, Radovanovic, Cherubin. Allenatore: Malesani.


Napoli cinico e spietato, quello che si vorrebbe vedere tutte le domeniche, nessun errore e, soprattutto, il ritorno a buoni livelli di Maggio e Hamsik, due giocatori di cui si sentiva la mancanza.
Nel Napoli l’unica novità è Santacroce al posto di Grava, mentre recuperano sia Dossena che Gargano. Il Bologna, invece, deve fare a meno dello squalificato Mudingayi. Al 2′ minuto, gli azzurri sono già in vantaggio: calcio d’angolo dalla destra su cui Maggio anticipa tutti e insacca alle spalle dell’incolpevole Viviano. Il Bologna cerca di reagire, ma la difesa avversaria non lascia spazi e il Napoli può continuare a macinare gioco e a creare azioni da gol. Infatti, dopo qualche azione pericolosa tamponata con molto affanno, al 24′, Lavezzi sfugge alla marcatura e si invola verso l’area avversaria, ma il suo tiro-cross finisce di poco a lato. Al 32′, cross di Dossena, la palla arriva a Rubin che tenta un improbabile appoggio di petto al portiere che, con Cavani in agguato, è bravo a chiudere con tempestività ed evitare il gol del 2-0. Un Minuto dopo, lo stesso portiere del Bologna sbaglia un disimpegno con i piedi e serve Cavani che, da posizione molto defilata, crossa all’indietro per Lavezzi che tenta di beffare l’estremo difensore avversario con un pallonetto che, però, risulta troppo debole. Ma il gol è nell’aria e, infatti, al 36′ il Napoli raddoppia: Cavani parte in contropiede lanciato direttamente da un rinvio di De Sanctis, Britos non riesce a fermarlo e l’attaccante uruguaiano, arrivato ormai sul fondo, serve all’indietro dove al limite dell’area è pronto Hamsik, il cui sinistro, deviato da Garics, inganna Viviano e finisce in rete. Al 42′ si vede per la prima volta il Bologna con una punizione di Di Vaio che, dal vertice alto dell’area, lascia partire un tiro-cross che, per poco non inganna il portiere azzurro.
Nel secondo tempo il Bologna cambia assetto cercando di dare più convinzione alla sua manovra offensiva, ma è sempre il Napoli a fare la partita. Già al 1′ Cavani si rende pericoloso con un tiro dal limite di Cavani, deviato in angolo da Viviano. Il primo tiro dalla bandierina non sortisce effetti, se non un altra deviazione sul fondo. Il secondo corner, invece, viene toccato corto per Lacezzi che prolunga in area per Campagnaro, il cui tiro-cross è preda di Hamsik che, ad un metro dalla porta, non ha difficoltà a siglare il 3-0. Al 4′ ancora Cavani vicino al gol, ma Viviano è attento e para. Al 7′ si rivede il Bologna, con un tiro da fuori area di Siligardi deviato in angolo da De Sanctis. Il corner successivo permette a Portanova di colpire di testa da buona posizione, ma il suo tentativo finisce a lato. Il Napoli, dopo il 3-0, ha allentato notevolmente la pressione e il Bologna ne approfitta per guadagnare metri di campo. Infatti, al 22′ arriva anche il gol: Di Vaio controlla un buon pallone nei pressi della linea di fondo e scarica all’indietro su Rubin che di prima crossa in area, dove Meggiorini anticipa Dossena di testa e insacca alle spalle di De Sanctis. Il Bologna ci crede, ma al 28′, arriva la doccia fredda: Sosa, da poco entrato per Hamisk, triangola con Lavezzi e, dal fondo crossa in area per Cavani che si fionda sul pallone e, di sinistro, realizza il 4-1.
La partita finisce qui, da segnalare solo l’esordio del giovane Maiello che gioca gli ultimi 15 minuti di partita. Il Napoli risponde così a Juventus e Roma che lo avevano scavalcato e si ristabilisce al terzo posto, ma è già tempo di pensare alla prossima partita, chi ambisce a piazzamenti importanti non può mai riposarsi.
 
DE SANCTIS 6
SANTACROCE 6.5 (18′st Sosa 6)
CANNAVARO sv (23′pt Cribari 6.5)
CAMPAGNARO 7
MAGGIO 7
GARGANO 6.5
PAZIENZA 6.5
DOSSENA 6
HAMSIK 7.5 (12′st Sosa 6.5)
LAVEZZI 7
CAVANI 6.5
MAZZARRI 7

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia