4ª GIORNATA

Il Napoli espugna San Siro dopo 17 anni


Azzurri ancora a punteggio pieno e primi in classifica

serieA
dom 22/09/13

MILAN

NAPOLI

stadio Meazza
51384 spettatori
milan napoli  
arbitro Banti 5
guardalinee Di Liberatore – Cariolato
De Marco – Calvarese
quarto uomo Marzaloni

1

2

 
     
gol 46′st Balotelli gol 6′pt Britos  
ammonizione Balotelli gol 8′st Higuain  
ammonizione Poli ammonizione Britos  
ammonizione De Jong  

MILAN (4-3-1-2): Abbiati; Abate (34′st Nocerino), Zapata, Mexes, Emanuelson; Poli (28′st Niang), De Jong, Muntari; Birsa (11′st Robinho); Matri, Balotelli.
Panchina: Amelia, Coppola, Vergara, Zaccardo, Constant, Cristante. Allenatore: Allegri.
NAPOLI (4-2-3-1): Reina; Mesto, Albiol, Britos, Zuniga; Dzemaili, Behrami; Callejon, Hamsik (22′st Pandev), Insigne (39′st Inler); Higuain (33′st Mertens).
Panchina: Rafael, Colombo, F.Fernandez, Cannavaro, Maggio, Armero, D. Zapata. Allenatore: Benitez.


Il peggior Napoli visto fino ad oggi riesce nell’impresa di battere il Milan a San Siro, risultato che mancava dal 1986. Ma, nonostante il risultato, la prestazione degli azzurri è stata vincente solo grazie ai primi dieci minuti e alle invenzioni di Higuain; per il resto, troppa sufficienza e poca umiltà. La speranza è che gli azzurri fossero stanchi dopo lo sforzo del mercoledì precedente, quando hanno sfoderato una grande e dispendiosa prestazione contro i vicecampioni d’Europa del Borussia Dortmund.
Tutti a disposizione per Benitez, che, a centrocampo, scegli la coppia Behrami – Dzemaili, mentre in attacco, ancora fiducia ad Insigne che vince il ballottaggio con Pandev. Nel Milan, Allegri deve far a meno di molti giocatori per infortunio (Bonera, DeSciglio, Silvestre, Pazzini, El Shaarawy e Montolivo), ma ritrova Abate che si riprende il posto sulla fascia sinistra. In attacco, Birsa supporta Balotelli e Matri.
Come detto, il Napoli parte subito forte e, già al 1’, Hamsik spaventa la retroguardia rossonera con un sinistro da fuori area che, però, termina a lato. Al 3’, il Milan si fa sorprendere da un inserimento centrale di Behrami che, a tu per tu con Abbiati, calcia incredibilmente alto sulla traversa. Un minuto più tardi, Hamsik ruba palla sulla trequarti e Serve Higuain che si accentra e, da posizione centrale, lascia partire un rasoterra velenoso che sfiora il palo con il portiere del Milan impietrito. Al 5’ il Napoli concretizza l’avvio spumeggiante e, su calcio d’angolo, Albiol fa sponda al centro dove trova Britos che, da pochi passi, trafigge l’incolpevole Abbiati. A questo punto, il Milan decide di cominciare a giocare e, al 9’, primo squillo di Balotelli che, dal limite dell’area, impegna Reina con potente rasoterra. All’11’ è ancora l’attaccante rossonero a rendersi pericoloso, questa volta su calcio di punizione, con il pallone che termina di poco a lato. Al 14’ si rivede il Napoli, con Callejon che crossa al centro per Hamsik, ma lo slovacco viene anticipato da Zapata. Gli azzurri giocano con sufficienza, ripartono bene in contropiede, ma non riescono a concludere degnamente le azioni, permettendo alla difesa avversaria di interrompere ogni trama offensiva, lasciando ai padroni di casa il pallino totale del gioco. Per fortuna, l’unico uomo pericoloso degli avversari è Balotelli e, seppur con un po’ di fatica, la difesa napoletana riesce ad arginarlo.
Nel secondo tempo il Milan riparte forte e, al 4’, Mexes si ritrova tra i piedi una ghiotta occasione, ma non riesce a colpire il pallone con forza e Reina riesce a bloccare senza problemi. All’8’, però, quando il Napoli sembrava ormai alle corde, Higuain si ricorda di essere un campione e, dopo essersi liberato al limite dell’area, lascia partire un potente rasoterra che sorprende Abbiati e facendo esplodere la gioia dei numerosi napoletani presenti allo stadio. Il Milan, però, non accusa il colpo e continua ad attaccare, fino al 15’, quando Albiol commette ingenuamente fallo in area su Balotelli che, però, deve inchinarsi davanti al portierone del Napoli che riesce a neutralizzare il rigore all’attaccante rossonero che, fino a quel momento, non ne aveva ancora sbagliato uno. Al 20’, ancora Reina protagonista, questa volta in uscita su Matri, lasciato solo dalla difesa azzurra. Nonostante le evidenti difficoltà del Napoli, Benitez non cambia modulo e sostituisce Hamsik con Pandev. Al 26’ però, Milan ancora vicino al gol con il solito Balotelli che entra in area dalla destra e lascia patire un gran destro che va ad infrangersi sulla traversa. Allegri si gioca il tutto per tutto, inserendo, dopo Robinho, anche la quarta punta (Niang), ma il vero pericolo rimane sempre Balotelli che, al 31’, impegna ancora Reina con un tiro dal limite. Negli ultimi minuti gli azzurri ricominciano a pressare gli avversari nella loro metà campo, riuscendo a portare anche qualche pericolo dalle parti di Abbiati, senza però riuscire a chiudere la partita. Così, al 46’, Balotelli riesce finalmente a superare il muro eretto da Reina, con un gran tiro a giro dal limite dell’area che si insacca all’incrocio dei pali.
Per fortuna, però, non c’è più tempo e gli azzurri guadagno tre punti storici che gli permettono di rimanere in testa alla classifica a punteggio pieno insieme alla Roma. Ora, gli azzurri saranno impegnati nel turno infrasettimanale di Mercoledì contro il Sassuolo, partita che, se giocata con questa superficialità, potrebbe presentare insidie inaspettate.
 
REINA 8
MESTO 6.5
ALBIOL 6.5
BRITOS 6.5
ZUNIGA 5.5
DZEMAILI 6.5
BEHRAMI 7
CALLEJON 5.5
HAMSIK 5.5 (22′st Pandev 6)
INSIGNE 5.5 (39′st Inler sv)
HIGUAIN 8 (33′st Mertens sv)
BENITEZ 7

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia