CANZONA AMALFITANA


musicaLino Benedetto testoEnzo Bonagura data1952


 
So' mure janche da 'o sole pittate,
feneste verde, luggette fiurite,
cunvente appise, viarelle scavate
ca, dint'a ll'acqua, se stanno a specchiá.

Carulí', Carulí', guarda, guá', vide, vi'.
 
Sono muri bianchi dipinti dal sole,
finestre verdi, terrazine fiorite,
conventi appesi, vicoli scavati
che, nell'acqua, si specchiano.

Carolina, Carolina, guarda, vedi, vedi.
 
Parla d' 'e viente 'a rosa amalfitana
e ll'aria addora tanto ca te stona,
mentre, p' 'o cielo, 'o suono 'e 'na campana
se stenne 'ncopp' 'a stesa1 'e 'na canzone.

Carulí', Carulí', jammo, ja', dimme sí.
 
Parla dei venti la rosa amalfitana
e l'aria profuma così tanto che ti stordisce,
mentre, nel cielo, il suono di una campana
si stende sul canto a distesa1 di una canzone.

Carolina, Carolina, andiamo, dai, dimmi sì.
 
E s'è dinchiuta 'e smeralde 'na grotta,
'na varca, po, 'na pittura scarlatta,
'na roccia penza ch'a mare se vótta,
stanno, 'e tterrazze 'e limone, a gialliá.

Carulí', Carulí', statte, sta', zitta, zi'.
 
E si è riempita di smeraldi una grotta,
una barca, poi, una pittura scarlatta.
una roccia pensa che nel mare si butta,
stanno, le terrazze di limoni, a ingiallire.

Carolina, Carolina, stai, stai, zitta, zita.
 
Passa 'na varca a vela amalfitana,
ll'ora 'e mill'anne 'na campana sona,
mentre, 'e lampare d'oro, 'na cullana
se stenne sott'â stesa 'e 'na canzone.

Carulí', Carulí', stu ssunná fa svení.
 
Passa una barca a vela amalfitana,
l'ora di mille anni una campana suona,
mentre, di lampare d'oro, una collana
si stende sotto il canto a distesa di una canzone.

Carolina, Carolina, questo sognare fa svenire.
 
'Ncopp'a stu duomo, 'nnanze a 'sta marina,
stammo a vedé che fa, che vo' 'sta luna.

Marená', voca, vo', voca, vo' marená'.
Su questo duomo, davanti a questa marina,
stiamo a vedere che fa, che vuole questa luna.

Marinaio, rema, rema, rema, rema, marinaio.

La canzone fu presentata per la prima volta da Amedeo Pariante. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Nino Marletti, Nunzio Gallo, Enzo Del Forno, Nino Fiore, Franco Ricci, Mario Abbate e Aurelio Fierro.
1 La "stesa" o "canto a distesa" è un canto a voce spiegata con il quale si eseguivano brani senza accompagnamento musicale. Nasce soprattutto come canto dei contadini che accompagnavano con la voce il lavoro nei campi o lo usavano come mezzo di comunicazione a distanza con altri gruppi. In altre occasioni, invece, il canto era un modo per attirare gli abitanti dei borghi limitrofi alle sagre di paese. Anche i detenuti, per comunicare con l'esterno dalle finestre del carcere, utilizzavano la stessa tecnica improvvisando dei versi. Solitamente i testi iniziavano con i versi "fronne 'e limone", oppure "frunnella aruta" e, proprio per questo, il "canto a distesa" è identificato anche con il detto popolare di "canto a fronna 'e limone".

Un commento su “Canzona amalfitana

  1. Dove stanno più questi pittori ? Davvero fanno concorrenza ed invidia ai migliori pittori,tanto è la immediatezza e la bellezza dei versi.A completare il tutto vi è la musica .Musica che io la considero come una divinità femminile con fascino irresistibile

Rispondi a renato boscaino Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia