CANZONA MARENARA


musicaGaetano Donizetti data1835


 
Mme voglio fá 'na casa 'mmiez'ô mare,
mme voglio fá 'na casa 'mmiez'ô mare,
fravecata de penne de pavune,
fravecata de penne de pavune.
 
Mi voglio fare una casa in mezzo al mare,
Mi voglio fare una casa in mezzo al mare,
costruita da piume di pavone,
costruita da piume di pavone.
 
Trállalallá, lallá llalallá,
lallá lallallá lallallá lallallá.
 
Trállalallá, lallá llalallá,
lallá lallallá lallallá lallallá.
 
D'argiento e d'oro voglio fá li ggrare,
d'argiento e d'oro voglio fá li ggrare
e de prete preziose li balcune,
e de prete preziose li balcune.
 
D'argento e d'oro voglio fare i gradini,
D'argento e d'oro voglio fare i gradini,
e di pietre preziose i balconi,
e di pietre preziose i balconi.
 
Trállalallá, ……………
 
Trállalallá, ……………
 
Quanno nennella mia se va a affacciare,
quanno nennella mia se va a affacciare
ognuno dice, ognuno dice:
"Mo sponta lu sole".
 
Quando la ragazza mia si va ad affacciare,
Quando la ragazza mia si va ad affacciare,
ognuno dice, ognuno dice:
"Ora spunta il sole".
 
Trállalallá, …………… Trállalallá, ……………

Il testo della canzone, originario dell’isola di Procida, non ha un autore definito. La melodia è attribuita a Gaetano Donizetti, famoso compositore bergamasco che soggiornò a Napoli tra il 1828 e il 1838. Tra le interpretazioni del brano, ricordiamo quelle di Sergio Bruni, Roberto Murolo, Franco Ricci e Lina Sastri.

Rispondi a VINCENZO DEL PRETE Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia