CARA MAMMA'


musicaRaffaele Segrè testoE. A. Mario1 data1904


 
"Cara mammá,
faciteme 'o favore,
mannáteme 'nu vaglia 'e vinte lire.
Ce sta 'nu capurale traditore
ca, s'io nun vótto 'e llire, mme po' fá
perdere 'a libbertá".
 
"Cara mamma,
fatemi il favore,
mandatemi un vaglia di venti lire.
C'è un caporale traditore
che, se io non tiro fuori i soldi, mi può far
perdere la libertà".
 
Doppo tre ghiuorne, è inutile,
'o vaglia ha dda arrivá.
Fore ô quartiere, Briggeda,
che festa mme farrá.
 
Dopo tre giorni, è inutile,
il vaglia deve arrivare.
Fuori dal quartiere, Brigida,
che festa mi farà.
 
Chella vucchella 'e zuccaro
che vase sape dá.
P' 'e solde ca se spènnono,
ce penzarrá mammá.
 
Quella boccuccia di zucchero
che baci sa dare.
Per i soldi che si spendono
ci penserà mamma.
 
"Cara mammá,
ll'autriere so' caduto
e mme s'è rotta 'a giubba aret' 'e spalle.
Si 'o vvede 'o capitano io so' perduto.
Mannáteme quaccosa p'appará,
si no comm'aggi' 'a fá?"
 
"Cara mamma,
l'altro ieri sono caduto
e mi si è rotta la giacca dietro le spalle.
Se lo vede il capitano io sono spacciato.
Mandami qualcosa per rimediare,
se no come devo fare?"
 
Doppo tre ghiuorne, è inutile,
…………………………………..
 
Dopo tre giorni, è inutile,
…………………………….
 
"Cara mammá,
so' asciuto da 'o spitale.
Mo tengo cierti diébbete cu 'amice.
Dimane torno â casa, a bene e a male.
Si vene Rosa ce 'o ddicite ca
nun mm' 'a pozzo scurdá".
 
"Cara mamma,
sono uscito dall'ospedale.
Ora ho certi debiti con gli amici.
Domani torno a casa, alla fine.
Se viene Rosa glie lo dite che
non me la posso dimenticare".
 
E 'o vaglia telegrafico
se vede giá arrivá.
Fore ô quartiere, Briggeta,
che festa ca mme fa!
 
E il vaglia telegrafico
si vede già arrivare.
Fuori dal quartiere, Brigida,
che festa che mi fa!
 
Chella vucchella 'e zuccaro
che vase sape dá.
P' 'e solde ca se spènnono
ce penzarrá mammá.
Quella boccuccia di zucchero
che baci sa dare.
Per i soldi che si spendono
ci penserà mamma.

L’autore trae ispirazione per il testo da una lite tra i genitori e il fratello maggiore che chiede soldi alla famiglia. Questa sarà il primo successo di E. A. Mario, stampato dalla Casa Ricordi. Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quella di Giacomo Rondinella.
1 E. A. Mario è lo pseudonimo utilizzato dal poeta e compositore Giovanni Ermete Gaeta.

Un commento su “Cara mammà

  1. La canticchia mio padre nato nel 1888. Stamattina mi è riaffiora alla mente e sono felice di aver ritrovato il testo. Grazie!

Rispondi a Angela Ricci Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia