CORE FURASTIERO


musicaE. A. Mario1 testoAlfredo Melina data1923


 
'Stu core sbarca a Napule
comm'a 'nu gran signore,
comm'a 'nu gran signore.
Campaje tant'ann'a 'America,
campaje tant'ann'a 'America.
Mo chi 'o cunosce cchiù, poveru core?
Mo chi è? 'Nu furastiero
 'nnammurato d' 'a cittá.
"'O 'scellènza" fa 'o cucchiere
"Signurí, pòzzo avutá?"
E se ne va, cuntento, cu 'o cucchiere,
'stu core ca s'è fatto furastiero.
 
Questo cuore sbarca a Napoli
come un gran signore,
come un gran signore.
Ha vissuto tanti anni in America,
ha vissuto tanti anni in America
Ora chi lo riconosce più, povero cuore?
Ora chi è? Un forestiero
innamorato della città.
"Sua eccellenza" dice il cocchiere
"Signore, posso girare?"
E se ne va, contento, con il cocchiere,
questo cuore che è diventato forestiero.
 
E corre Via Caracciolo,
lucente e tutta sole,
lucente e tutta sole.
Mussiù, chist'è Pusilleco,
mussiù, chist'è Pusilleco.
Ma 'o furastiero, zitto, a 'sti pparole
se ricorda chelli strate
ch' 'o facettero sunná.
Quanta coppie 'e 'nnammurate
fino a tarde, 'int'a ll'está.
E chiacchiaréa sul'isso 'stu cucchiere,
ca piglia 'o core mio pe furastiero.
 
E corre Via Caracciolo,
lucente e tutta sole,
lucente e tutta sole.
Monsieur, questo è Posillipo,
monsieur, questo è Posillipo
Ma il forestiero, zitto, a queste parole
si ricorda di quelle strade
che lo fecero sognare.
Quante coppie di fidanzati
fino a tardi, in estate.
E parla da solo questo cocchiere,
che scambia il mio cuore per forestiero.
 
Po se fa notte. Napule
è tutta 'nu sbrennóre,
è tutta 'nu sbrennóre.
E saglie 'ncopp'ô Vòmmero,
e saglie 'ncopp'ô Vòmmero
addó se fece core chistu core.
"Signurí, che ne dicite
d' 'e bellizze 'e 'sta cittá?
'O 'scellenza, vuje chiagnite?
Signurí, chi v' 'o ffa fá?"
E nun se fa capace 'stu cucchiere,
si chiagne, 'o core, nun è furastiero.
Poi si fa notte. Napoli
è tutto uno splendore,
è tutta uno splendore.
E sale su al Vomero,
e sale su al Vomero
dove divenne cuore questo cuore.
"Signore, cosa ne dite
delle bellezze di questa città?
Eccellenza, voi piangete?
Signore chi ve lo fa fare?"
E non si rende conto questo cocchiere,
se piange, il cuore, non è forestiero.

Il brano fu cantato per la prima volta da Gennaro Pasquariello. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Mario Abbate, Mario Pasqualillo, Mario Trevi, Claudio Villa, Enzo Amato, Nino Taranto, Aurelio Fierro, Roberto Murolo e Mario Merola.
1 E. A. Mario è lo pseudonimo utilizzato dal poeta e compositore Giovanni Ermete Gaeta.

Un commento su “Core furastiero

  1. Rivedere i luoghi dove si è nato, cresciuto e vissuto in passato, i ricordi di allora, ti toccano profondamente e lo sfogo di un pianto stà a significare che quella terra ti appartiene ancora e non riuscirai mai a dimenticare.

Rispondi a Raffaele Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia