CORE 'NGRATO


musicaSalvatore Cardillo testoRiccardo Cordiferro1 data1911


 
Catarí, Catarí,
pecché mm' 'e ddice sti pparole amare?
Pecché mme parle e 'o core mme turmiente
Catarí?
Nun te scurdá ca t'aggio dato 'o core, Catarí,
nun te scurdá.
Catarí,
Catarí, che vène a dicere
'stu pparlá ca mme dá spáseme?
Tu nun ce pienze a 'stu dulore mio?
Tu nun ce pienze, tu nun te ne cure.
 
Caterina, Caterina,
Perché mi dici queste parole amare?
Perché mi parli e il cuore mi tormenti,
Caterina?
Non ti dimenticare che ti ho dato il cuore, Caterina,
non ti dimenticare.
Caterina,
Caterina, che significa
questo parlare che mi procura ansie?
Tu non pensi a questo mio dolore?
Tu non ci pensi, tu non te ne preoccupi.
 
Core, core 'ngrato,
t'hê pigliato 'a vita mia.
Tutto è passato
e nun ce pienze cchiù.
 
Cuore, cuore ingrato
ti sei presa la mia vita.
Tutto è passato
e non ci pensi più.
 
Catarí, Catarí,
tu nun 'o ssaje ca fino e 'int'a 'na chiesa
io so' trasuto e aggiu pregato a Dio,
Catarí.
E ll'aggio ditto pure a 'o cunfessore:
"Io sto' a murí
pe chella lla.
Sto' a suffrí,
sto' a suffrí nun se po' credere,
sto' a suffrí tutte li strazie".
E 'o cunfessore, ch'è perzona santa,
mm'ha ditto: "Figliu mio lássala stá,
lássala stá".
 
Caterina, Caterina,
tu non sai che perfino in una chiesa
sono entrato ed ho pregato Dio,
Caterina.
E l’ho detto anche al confessore:
"Sto morendo
per quella là.
Sto soffrendo,
sto soffrendo non si può credere,
sto soffrendo tutte le pene".
E il confessore, che è una santa persona,
mi ha detto: "Figlio mio lasciala stare,
lasciala stare".
 
Core, core 'ngrato,
t'hê pigliato 'a vita mia.
Tutto è passato
e nun ce pienze cchiù.
Cuore, cuore ingrato
ti sei presa la mia vita.
Tutto è passato
e non ci pensi più.

Il brano nacque a New York, dove entrambi gli autori lavoravano. Nessuno dei due pensava che sarebbe diventata un grande successo; addirittura il Cardillo l’ha sempre definita una “porcheria”, probabilmente perchè preferiva essere ricordato per altre sue composizioni, da lui ritenute “canzoni vere”. Fu portata al successo dal grande tenore Enrico Caruso, che la scelse subito tra i suoi cavalli di battaglia, e da Beniamino Gigli, divenendo così la prima canzone napoletana famosa proveniente dagli Stati Uniti. Tra le altre interpretazioni ricordiamo quelle di Giuseppe Di Stefano, Franco Corelli, Tito Schipa, Luciano Pavarotti, Plácido Domingo, José Carreras, Francesco Anile, Carlo Buti, Bruno Venturini, Luciano Tajoli, Claudio Villa, Roberto Murolo, Renata Tebaldi, Sergio Bruni, Mina, Vinicio Capossela, Lina Sastri, Andrea Bocelli e Massimo Ranieri.
1 Riccardo Cordiferro è lo pseudonimo utilizzato dal giornalista e scrittore Alessandro Sisca.

Un commento su “Core ‘ngrato

  1. Veramente mi fa sbattere il cuore queste canzione sonno cosi belle , pecato che in italia non si sentano cuasi , sonno antigue io ce lo nel cuore e nella mente di cuanto era picola grazie per farmele leggere

Rispondi a rosa Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia