DOVE STA ZAZA'?


musicaGiuseppe Cioffi testoRaffaele Cutolo data1944


 
Era la festa di San Gennaro,
quanta folla per la via,
con Zazá, compagna mia,
me ne andai a passeggiá.
 
Era la festa di San Gennaro,
quanta folla per la via,
Con Zazá, compagna mia,
me ne andai a passeggiare.
 
C'era la banda di Pignataro1
che suonava il "Parsifallo"
e il maestro, sul piedistallo,
ci faceva deliziá.
 
C'era la banda di Pignataro1
che suonava il "Parsifal"
e il maestro, sul piedistallo,
ci faceva deliziare.
 
Nel momento culminante
del finale travolgente,
'mmiez'a tutta chella gente,
se fumarono a Zazá.
 
Nel momento culminante
del finale travolgente,
in mezzo a tutta quella gente,
rapirono Zazá.
 
Dove sta Zazá?
Uh, Madonna mia.
Come fa Zazá,
senza Isaia?
Pare, pare, Zazá,
che t'ho perduta, ahimé.
Chi ha truvato a Zazá
ca mm' 'a purtasse a me.
Jámmola a truvá,
su, facciamo presto.
Jámmola a incontrá
con la banda in testa.
Uh, Zazá.
Uh, Zazá.
Uh, Zazá.
Tuttuquante aîmm' 'a strillá:
Zazá, Zazá,
Isaia sta cca.
Isaia sta cca.
Isaia sta cca.
 
Dove sta Zazá?!
Uh, Madonna mia.
Come fa Zazá,
senza Isaia?
Sembra, sembra, Zazá,
che t'ho perduta, ahimé.
Chi ha trovato Zazá
che me la riportasse.
Andiamo a cercarla
su, facciamo presto.
Andiamole incontro
con la banda in testa.
Uh, Zazá.
Uh, Zazá.
Uh, Zazá.
Tutti quanti dobbiamo strillare:
Zazá, Zazá,
Isaia è qua.
Isaia è qua.
Isaia è qua.
 
Zazá, Zazá,
za-za-za-za.
Comm'aggi 'a fá pe te truvá?
I', senza te, nun pozzo stá.
Zazá, Zazá,
za-za-za-za.

Za-za-za-za-za-za-zá.
 
Zazá, Zazá,
za-za-za-za,
Come devo fare per trovarti?
Io senza di te non posso stare.
Zazá, Zazá,
za-za-za-za.

Za-za-za-za-za-za-zá.
 
Era la festa di San Gennaro,
ll'anno appresso cante e suone,
bancarelle e prucessione,
chi se po' dimenticá?
 
Era la festa di San Gennaro,
l'anno seguente canti e suoni,
bancarelle e processione,
chi si può dimenticare?
 
C'era la banda di Pignataro,
centinaia di bancarelle
di torrone e di nocelle
che facevano 'ncantá.
 
C'era la banda di Pignataro,
centinaia di bancarelle
di torrone e di noccioline
che facevano incantare.
 
Come allora, quel viavai
ritornò per quella via.
Ritornò pure Isaia,
sempre in cerca di Zazá.
 
Come allora, quel viavai
ritornò per quella via.
Ritornò pure Isaia,
sempre in cerca di Zazá.
 
Dove sta Zazá?
Uh, Madonna mia.
Come fa Zazá,
senza Isaia?
Pare, pare, Zazá,
che t'ho perduta, ahimé.
Chi ha truvato a Zazá,
ca mm' 'a purtasse a me.
Se non troverò
lei, ch'è tanto bella,
mm'accontenterò
'e trová 'a sorella.
T'amerò,
t'amerò,
t'amerò,
pure a lei glielo dirò
che t'amerò.
T'amerò, Zazá.
T'amerò, Zazá.
T'amerò, Zazá.
Zazá, Zazá,
za-za-za-za
che t'amerò ll'aggi' 'a cuntá.
Con tua sorella aggi' 'a sfugá.
Zazá, Zazá,
za-za-za-za.
 
Dove sta Zazá?
Uh! Madonna mia.
Come fa Zazá,
senza Isaia?
Sembra, sembra, Zazá,
che t'ho perduta, ahimé.
Chi ha trovato Zazá,
che me la riportasse.
Se non troverò
lei, che è tanto bella,
mi accontenterò
di trovare la sorella.
T'amerò,
t'amerò,
t'amerò,
anche a lei glielo dirò
che t'amerò.
T'amerò, Zazá.
T'amerò, Zazá.
T'amerò, Zazá.
Zazá, Zazá,
za-za-za-za
che t'amerò lo devo raccontare.
Con tua sorella mi devo sfogare
Zazá, Zazá,
za-za-za-za.
 
Zazá, Zazá,
za-za-za-za.
Comm'aggi' 'a fá pe te truvá?
I', senza te, nun pòzzo stá.
Zazá, Zazá,
za-za-za-za-za.

Za-za-za-za-za-za-zá.
Zazá, Zazá,
za-za-za-za.
Come devo fare per trovarti?
Io, senza te, non posso stare.
Zazá, Zazá,
za-za-za-za-za.

Za-za-za-za-za-za-zá.

Il brano fu presentato alla Festa di Piedigrotta del 1944 con la voce di Aldo Tarantino. Ed è la stessa festa a fare da contorno alla storia raccontata nella canzone, il cui testo, inizialmente, era stato scritto interamente in italiano, con l’intento di affidarlo all’attrice Elena Grey. L’improvviso ritiro dalle scene di quest’ultima cambiò i piani dell’autore che, una volta tradotta in napoletano, propose la canzone a Giuseppe Cioffi perchè la musicasse. Il titolo fu ispirato semplicemente da un’onomatopea che ricordasse il suono della banda… “za-za”. Successivamente il brano fu interpretato da Nino Taranto, Carlo Buti, Gabriella Ferri, Aurelio Fierro, Roberto Murolo e Claudio Villa. La canzone ebbe un successo inaspettato, probabilmente perchè fu la prima canzone che portò un po’ di allegria e unione nel primissimo dopoguerra. Così tanto che, nel corso della storia, si è sorprendentemente legata ad alcuni eventi bizzarri. Per esempio, nel 1946, insediatasi la Costituente, i Qualunquisti la intonarono, in risposta ai deputati comunisti, che cantavano l’”Internazionale”. Successivamente, nel 1947, quando andò a incontrare il presidente USA Truman, De Gasperi fu accolto all’aeroporto da una banda che suonava “Dove sta Zazà”. In Argentina i peronisti la utilizzarono come marcia d’ordinanza. Alle Olimpiadi di Mosca del 1980, edizione boicottata da Stati Uniti e altri 64 paesi, si decise che nella cerimonia inaugurale non si dovessero suonare inni nazionali; così ad accompagnare gli atleti italiani fu proprio questa canzone.
1 Pignataro Maggiore è un comune della provincia di Caserta.

Un commento su “Dove sta Zazà?

  1. ME AGRADA ESCUCHAR ESTA CANCIÓN. ME RECUERDA LOS AÑOS DE MI NIÑEZ. GRACIAS

Rispondi a MARIO ALBERTO DIMEGLIO Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia