FUNICULI' FUNICULA'


musicaLuigi Denza testoGiuseepe Turco data1880


 
Aisséra, Nanninè, mme ne sagliette,
tu saje addó,
tu saje addó.
 
Ieri sera, Nanninella, sono salito
tu sai dove,
Tu sai dove.
 
Addó, 'sto core 'ngrato, cchiù dispiette
farme nun po',
farme nun po'.
 
Dove, questo cuore ingrato, più dispetti
farmi non può,
Farmi non può.
 
Addó lo ffuoco coce, ma si fuje,
te lassa stá,
Te lassa stá.
 
Dove il fuoco scotta, ma se scappi,
ti lascia stare,
ti lascia stare.
 
E nun te corre appriesso e nun te struje
sulo a guardá,
sulo a guardá.
 
E non ti corre dietro e non ti distrugge
solo a guardarlo,
Solo a guardarlo.
 
Jammo, jammo,
'ncoppa jammo ja'.
Jammo, jammo, 'ncoppa jammo ja'.
Funiculí – funiculá,
funiculí – funiculá.
'Ncoppa jammo ja',
funiculí – funiculá.
 
Andiamo, andiamo,
sopra andiamo, andiamo.
Andiamo, andiamo, sopra andiamo, andiamo
Funiculí – funiculá,
funiculí – funiculá.
Sopra andiamo, andiamo,
funiculí – funiculá.
 
Nèh jammo, da la terra a la montagna,
no passo nc'è,
no passo nc'è.
 
Neh andiamo, dalla terra alla montagna,
c'è un passo,
c'è un passo.
 
Se vede Francia, Pròceta, la Spagna
e io veco a te,
e io veco a te.
 
Si vede la Francia, Procida, la Spagna
e io vedo te,
e io vedo te.
 
Tiráte co li ffune, ditto 'nfatto,
'ncielo se va,
'ncielo se va.
 
Tirati con le corde, detto fatto,
in cielo si va,
in cielo si va.
 
Se va comm'a lo viento e, a ll'intrasatto,
gué saglie sa',
gué saglie sa'.
 
Si va come il vento e, all'improvviso,
oh, sali sali,
oh, sali sali.
 
Jammo, jammo,
……………………..
 
Andiamo, andiamo,
……………………..
 
Se n'è sagliuta, oje ne', se n'è sagliuta,
la capa giá,
la capa giá.
 
E' salita, o amore, è salita,
la testa già,
la testa già.
 
E' ghiuta, po' è tornata, po' è venuta,
sta sempe cca,
sta sempe cca.
 
E' andata, poi è tornata, poi è venuta,
sta sempre qua,
sta sempre qua.
 
La capa vota, vota attuorno, attuorno,
attuorno a te,
attuorno a te.
 
La testa gira, gira intorno, intorno,
intorno a te,
Intorno a te.
 
Lo core canta sempe no taluorno,
sposammo, oje ne',
sposammo, oje ne'.
 
Il cuore canta sempre un lamento,
sposiamoci, o amore,
sposiamoci, o amore.
 
Jammo, jammo,
……………………..
Andiamo, andiamo,
……………………..

La nascita della canzone fu ispirata dall’inaugurazione della prima funicolare del Vesuvio, nel 1880. Si dice che gli autori abbiano impiegato soltanto poche ore per scrivere il testo e la melodia della canzone, ma, nonostante ciò, fu un grande successo che servì anche ad avvicinare i turisti e i napoletani stessi al nuovo mezzo di trasporto. Fu cantata per la prima volta nei saloni della Reggia di Quisisana a Castellammare di Stabia. Turco e Denza la presentarono alla Festa di Piedigrotta dello stesso anno e la canzone divenne subito la più cantata. La fama che si guadagnò il brano fu così grande che la Casa Editrice Ricordi ne riuscì a vendere in un solo anno più di un milione di copie, cosa che fino ad allora non era mai accaduta nella storia della musica mondiale. Tra le interpretazioni di questa canzone ricordiamo quelle di Bruno Venturini, Giuseppe Di Stefano, Mario Lanza, Beniamino Gigli, Karel Gott, Sergio Bruni, Claudio Villa, Massimo Ranieri, Andrea Bocelli e Luciano Pavarotti. Anche Richard Strauss rimase colpito dal brano, tanto che lo inserì nel movimento finale del poema sinfonico “Dall’Italia”, ispirato dal viaggio compiuto dal compositore durante l’estate del 1886.

Un commento su “Funiculì funiculà

  1. Ho provato profondo piacere nel ascoltare questa canzone cantata da esperti, per omaggiare turisti di passaggio in vista della Citta, durante uno Sbarco / imbarco alla alla Stazione Marittima di NAPOLI; così come avviene da sempre nelle altre città d’Arte….ERA ORA…!

Rispondi a Francesco Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia