I' TE VURRIA VASA'


musicaEduardo Di Capua testoVincenzo Russo data1900


 
Ah! Che bell'aria fresca,
ch'addore 'e malvarosa.
E tu durmenno staje,
'ncopp'a 'sti ffronne 'e rosa.
 
Ah! Che bell'aria fresca,
che profumo di malvarosa.
E tu stai dormendo
sopra questi petali di rosa.
 
'O sole, a poco a poco,
pe 'stu ciardino sponta,
'o viento passa e vasa
'stu ricciulillo 'nfronte.
 
Il sole, a poco a poco,
in questo giardino spunta,
il vento passa e bacia
questo ricciolino sulla fronte.
 
I' te vurría vasá.
I' te vurría vasá,
ma 'o core nun mm' 'o ddice
'e te scetá,
'e te scetá.
I' mme vurría addurmí.
I' mme vurría addurmí,
vicino ô sciato tuojo,
'n'ora pur'i',
'n'ora pur'i'.
 
Io vorrei baciarti.
Io vorrei baciarti,
ma il cuore non mi dà la forza
di svegliarti,
di svegliarti.
Io mi vorrei addormentare
Io mi vorrei addormentare
vicino al tuo respiro,
anch'io per un'ora,
anch'io per un'ora.
 
Tu duorme, oje Rosa mia,
e duorme a suonno chino,
mentr'io guardo, 'ncantato,
'stu musso curallino.
 
Tu dormi, o Rosa mia,
e dormi profondamente,
mentre io guardo, incantato,
questa bocca corallina.
 
E chesti ccarne fresche,
e chesti ttrezze nere,
mme mettono, 'int'ô core,
mille male penziere.
 
E queste carni fresche,
e queste trecce nere,
mi mettono nel cuore
mille cattivi pensieri.
 
I' te vurría vasá.
………………….
 
Io vorrei baciarti.
…………………..
 
Sento 'stu core tuojo
ca sbatte comm'a ll'onne.
Durmenno, angelo mio,
chisà tu a chi te suonne.
 
Sento questo tuo cuore
che sbatte come le onde.
Dormendo, angelo mio,
chissà tu chi sogni.
 
'A gelusia turmenta
'stu core mio malato.
Te suonne a me? Dimméllo.
O pure suonne a 'n'ato?
 
La gelosia tormenta
questo mio cuore malato.
Mi sogni? Dimmelo.
Oppure sogni un altro?
 
I' te vurría vasá.
………………….
Io vorrei baciarti.
…………………..

Le parole della canzone nascono dal tormentato amore di Vincenzo Russo, orfano e di famiglia povera, per Enrichetta Marchese, figlia di un facoltoso gioielliere che osteggiava il loro sentimento. Secondo la tradizione, il testo fu consegnato ad Eduardo di Capua la sera del 1 gennaio 1900, a margine di una rappresentazione di Armando Gill al Salone Margherita. La musica fu composta in una giornata e il brano fu presentato la prima volta al concorso “La tavola rotonda”, cantato da Amina Vargas, dove si piazzò al secondo posto. Ma la mancata vittoria non gli impedì di diventare ben presto una delle pietre miliari della canzone napoletana, conosciuta ed interpretata in tutto il mondo. Tra gli artisti che ne hanno proposto una versione, ricordiamo Enrico Caruso, Tito Schipa, Mario Abbate, Sergio Bruni, Giuseppe Di Stefano, Consilia Licciardi, Giacomo Rondinella, Franco Corelli, José Carreras, Luciano Pavarotti, Andrea Bocelli, Peppino Di Capri, Lina Sastri, Roberto Murolo, Giorgia, Claudio Villa, Mango, Mina, Nino D’Angelo e Massimo Ranieri.

Un commento su “I’ te vurria vasà

  1. Tra le migliori melodie e più speciali poesie in napolitano, questa canzone rimane per me l’unicità della più profonda anima partenopea. Avevo 8-10 anni quando l’ho ascoltata la prima volta e dopo oltre mezzo secolo, quando l’ascolto, vivo una emozione intensa.

Rispondi a savino saraceno Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia