JE SO' PAZZO


musica testoPino Daniele data1979


 
Je so' pazzo, je so' pazzo,
e vogl'essere chi vogl'io,
ascite fora d' 'a casa mia.
Je so' pazzo, je so' pazzo,
c'ho il popolo che mi aspetta
e scusate vado di fretta.
 
Io sono pazzo, io sono pazzo,
e voglio essere chi voglio io,
uscite fuori da casa mia.
Io sono pazzo, io sono pazzo,
c'ho il popolo che mi aspetta
e scusate vado di fretta.
 
Non mi date sempre ragione,
io lo so che sono un errore,
nella vita voglio vivere
almeno un giorno da leone.
E lo Stato questa volta
non mi deve condannare
pecchè so' pazzo, je so' pazzo,
e oggi voglio parlare.
 
Non mi date sempre ragione,
io lo so che sono un errore,
nella vita voglio vivere
almeno un giorno da leone.
E lo Stato questa volta
non mi deve condannare
perchè sono pazzo, io sono pazzo,
e oggi voglio parlare.
 
Je so' pazzo, je so' pazzo,
si se 'ntosta 'a nervatura
metto a tutti 'nfaccia ô muro.
Je so' pazzo, je so' pazzo,
e chi dice che Masaniello
poi negro non sia più bello.
 
Io sono pazzo, io sono pazzo,
se m'innervosisco
metto tutti faccia al muro.
Io sono pazzo, io sono pazzo,
e chi dice che Masaniello
poi negro non sia più bello.
 
E non sono menomato,
sono pure diplomato,
e la faccia nera l'ho dipinta
per essere notato.
Masaniello è crisciuto,
Masaniello è turnato.
Je so' pazzo, je so' pazzo,
nun nce scassate 'o cazzo.
E non sono menomato,
sono pure diplomato,
e la faccia nera l'ho dipinta
per essere notato.
Masaniello è cresciuto,
Masaniello è tornato.
Io sono pazzo, io sono pazzo,
non ci rompete il cazzo.

La canzone fa parte di "Terra Mia", secondo album in studio di Pino Daniele. Per la scrittura del testo, l’autore prese spunto dall’ultimo discorso di Masaniello, protagonista della rivolta popolare che si sollevò tra il 7 e il 16 luglio 1647 contro le tasse imposte dal governo spagnolo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia