LILI' KANGY


musicaSalvatore Gambardella testoGiovanni Capurro data1905


 
Mo nun so' cchiù Cuncetta,
ma so' Lilí Kangy,
sciantosa1 prediletta,
avite voglia 'e dí.
 
Ora non sono più Concetta,
ma sono Lilì Kangy,
cantante1 prediletta,
dite quello che volete.
 
Quanno mme ribbuttaje,
e chi v' 'o ppo' cuntá?
'A gente mme menaje
mazzette 'nquantitá.
 
Quando debuttai,
e chi ve lo può raccontare?
La gente mi buttò
fiori in quantità.
 
Chi mme piglia pe Frangesa,
chi mme piglia pe' Spagnola,
ma so' nata ô Conte 'e Mola,
metto 'a coppa a chi vogl'i'.
Caro Bebé,
che guarde a fá?
Io quanno veco a te
mme sento disturbá.
 
Chi mi scambia per francese,
chi mi scambia per spagnola,
ma sono nata in Vico Conte di Mola,
e supero chi voglio.
Caro Bebè,
cosa guardi?
Io quanto ti vedo
Mi sento male.
 
Tre sòre piccerelle,
vènono appriesso a me
e fanno 'e stelletelle
pe dint'a 'sti cafè.
 
Tre piccole sorelle,
vengono con me
e fanno le stelline
dentro questi caffè.
 
Ma i' songo 'a vera stella
d'ogne cafè sciantá2.
Sulo cu 'na resélla,
ve faccio cunzulá.
 
Ma io sono la vera stella
di ogni caffè chantant2.
Solo con una risatina,
vi faccio consolare.
 
Chi mme piglia pe Frangesa,
………………………………..
 
Chi mi scambia per francese,
………………………………..
 
A 'e vvote, 'ncopp' 'o foglio,
sento parlá 'e Lilí.
Io leggo, ma mme 'mbroglio.
Che vuó arrivá a capí?
 
A volte, sul giornale,
sento parlare di Lilì.
Io leggo, ma mi sbaglio:
cosa vuoi riuscire a capire?
 
Ma chesto nun mme 'mporta,
s'ha dda sapé abballá.
Basta ca 'a veste è corta,
tutto se po' aggiustá.
 
Ma questo non mi interessa:
si deve saper ballare.
È sufficiente che la veste sia corta,
tutto si può aggiustare.
 
Chi mme piglia pe Frangesa,
………………………………..
Chi mi scambia per francese,
………………………………..

La canzone racconta ironicamente uno spaccato della “belle epoque” napoletana, quando, a cavallo tra Ottocento e Novecento, era di moda per le cantanti che si esibivano nei locali scegliersi un nuovo nome francesizzante per sembrare più seducenti. Il brano fu presentato da Nicola Maldacea, che lo cantava in abiti femminili. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Miranda Martino, Angelo Luce, Maria Campi, Mirna Doris, Miranda Martino e Virginia Da Brescia.
1 Il termine "sciantosa" nasce tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900, come italianizzazione della parola francese "chanteuse" (cantante). Inizialmente, infatti, le sciantose eseguivano nei locali brani tratti da opere liriche o operette. Ogni cantante si creava una propria storia e un proprio personaggio, inventando aneddoti sulla propria carriera di diva del teatro e parlando con accento francese pur non essendolo, in modo da dare al pubblico l'impressione di avere davanti una vera diva straniera.
2 Il café-chantant (o café-concert) è un genere di spettacolo nel quale si eseguivano piccoli spezzoni di scene teatrali o balletti, canzoni, ecc... Tutto questo avveniva in locali in cui gli ospiti potevano consumare bibite o generi alimentari. Per estensione, anche i locali che ospitavano questi spettacoli vennero chiamati Café-chantant e, in essi, si esibivano anche le sciantose.

Rispondi a BIAGIO DI MATTEO Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia