LL'ARTE D' 'O SOLE


musicaSalvatore Gambardella testoGiuseppe Capaldo data1908


 
Chistu core è masto 'e forgia,
sempe 'nfacci'â furgetella,
ména 'o mántece e martella,
pe 'nu core 'a 'ncatená.
 
Questo cuore è fabbro,
sempre davanti alla forgia,
usa il mantice e il martello
per un cuore da incatenare.
 
Ma però 'stu core è tuosto,
è 'n'acciaro cunsistente,
ca martiello e fuoco ardente
nun ce pònno faticá.
 
Però questo cuore è duro,
è un acciaio resistente
che martello e fuoco ardente
non riescono a lavorare.
 
'Sta canzone vène a te,
'sta canzone vène a te
Catarina, Catarí,
Catarina, Catarí.
Voglio fá ll'arte d' 'o sole,
voglio fá ll'arte d' 'o sole,
pe fá chello ca dich'i',
pe fá chello ca dich'i'.
 
Questa canzone arriva a te,
questa canzone arriva a te
Caterina, Caterì,
Caterina, Caterì.
Voglio fare quello che voglio,
voglio fare quello che voglio,
per fare quello che dico io,
per fare quello che dico io.
 
Chistu core, 'a masto 'e forgia,
s'è 'mparato giuilliére
ca vo' fá 'n'aniello a féde,
pe 'na nénna 'a mmaretá.
 
Questo cuore, da fabbro,
è diventato gioielliere
che vuole fare una fede
per una ragazza da sposare.
 
Ma pe fá st'aniello a féde,
'n'ata mano nce vurria
ca strignesse 'a mana mia
e 'sta mana 'aggi' 'a truvá.
 
Ma per fare questa fede,
un'altra mano ci vorrebbe
che stringesse la mia mano
e questa mano la devo trovare.
 
'Sta canzone vène a te,
……………………………
 
Questa canzone arriva a te,
………………………………..
 
Chistu core, 'a giuilliere,
mo vo' essere pittore,
pe pittá 'na scena 'ammore
e 'o suggetto è chistu cca.
 
Questo cuore, da gioielliere,
ora vuole essere pittore,
per dipingere una scena d'amore
e il soggetto è questo qua.
 
'Na brunetta ca mm'abbraccia
'mmiez'ê sciure prufumate.
E, cu ll'uocchie appassiunate,
s'abbandona 'ncuoll'a me.
 
Una brunetta che mi abbraccia
in mezzo ai fiori profumati.
E con gli occhi appassionati,
si abbandona addosso a me.
 
'Sta canzone vène a te,
……………………………
Questa canzone arriva a te,
………………………………..

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Nino Fiore, Giacomo Rondinella, Sergio Bruni, Mario Trevi, Renzo Arbore.

2 commenti su “Ll’arte d’ ‘o sole

  1. Questa canzone la scrisse mio nonno : Giuseppe Capaldo…

    • Cosa intendeva il poeta con l’arte del sole: il sole fa tantissime cose, quindi non mi è facile intendere la metafora!

Rispondi a GENNARO SIMONELLI Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia