MAMMA ADDÓ STA?


musicaNicola Valente testoLibero Bovio data1931


 
Assunta. Rafiluccio. Reginella.
Salvaturiello mio, mo sî cuntento?
Ninuccia. Uh, Dio comme s'è fatta bella.
Ll'aggio avvistata 'a copp' 'ô bastimento.
Tutte vicino a me, nun mme lassate,
ve guardo e nun mme sazio 'e ve guardá.
Diece anne, diece secule so' state.
I' nun vedevo ll'ora 'e riturná.
 
Assunta. Raffaele. Reginella.
Salvatore mio, ora sei contento?
Ninuccia. Uh, Dio, com'è diventata bella.
L'ho vista dal bastimento.
Tutti vicini a me, non mi lasciate,
vi guardo e non mi stanco di guardarvi.
Dieci anni, dieci secoli sono stati.
Io non vedevo l'ora di ritornare.
 
Mamma addó sta?
Pecché nun è venuta?
Povera vicchiarella,
mm'ha mannato a cercá 'na cullanella
e i' nce ll'aggio purtata.
'A cullana sta cca.

Mamma addó sta?
 
Mamma dov'è?
Perchè non è venuta?
Povera vecchietta,
mi ha mandato a cercarle una collanina
e io glie l'ho portata.
La collana è qua.

Mamma dov'è?
 
Io mm' 'a sunnavo sempe addenucchiata,
'a vicchiarella mia, 'nnanz'â Madonna.
Ma vuje ll'avite sempe rispettata?
Vuje site state sempe attuorno â nonna?
Ma, grazie a Dio, mo nun lle manca niente,
po' fá 'a signora, povera mammá.
E ghiammo, e nun chiagnite, alleramente
stasera nce vulimmo scapricciá.
 
Io me la sognavo sempre inginocchiata,
la vecchietta mia, davanti alla Madonna.
Ma voi l'avete sempre rispettata?
Siete stati sempre vicini alla nonna?
Ma, grazie a Dio, ora non le manca niente,
può fare la signora, povera mamma.
E andiamo, e non piangete, allegramente
stasera ci vogliamo divertire.
 
Mamma addó sta?
Pecché nun s'è affacciata?
Chiammáte 'a vicchiarella.
Song'io, song'io. Mammá, mamma mia bella.
Song'io ca so' turnato.
Ve vulite affacciá?

Mamma addó sta?
 
Mamma dov'è?
Perchè non si è affacciata?
Chiamate la vecchietta.
Sono io, sono io. Mamma, mamma mia bella.
Sono io che sono tornato.
Vi volete affacciare?

Mamma dov'è?
 
Mamma addó sta? Nisciuno mme risponne?
Tuttuquante cu 'e ffacce comm'â cera.
Chi chiagne, chi mme sfuje, chi s'annasconne
Salvaturiello cu 'na scolla nera.
Ah, smaledette siano chesti mmane
ch'hanno vuluto sempe faticá.
Meglio a desiderá 'nu muorzo 'e pane,
ma 'nziem'â vecchia mia, 'nziem'a mammá.
 
Mamma dov'è? Nessuno mi risponde?
Tutti con le facce come la cera.
Chi piange, chi mi sfugge, chi si nasconde.
Salvatore con fazzoletto da collo nero.
Ah, maledette siano queste mani
che hanno sempre voluto lavorare.
Meglio desiderare un pezzo di pane,
ma insieme alla mia vecchia, con mamma.
 
Mamma addó sta?
Dáteme 'a vecchia mia.
Pecché so' riturnato
e 'o bastimento, no, nun s'è affunnato?
Nun s'è perzo p' 'a via?
Che so' turnato a fá?

Mamma addó sta?
Ma dov'è?
Datemi la mia vecchia.
Perchè sono ritornato.
e il bastimento, no, non è affondato?
Non si è perso per la via?
Che sono tornato a fare?

Mamma dov'è?

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Mario Pasqualillo, Ferdinando Rubino, Salvatore Papaccio e Mario Merola.

Rispondi a FRANCO Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia