NAPULITANAMENTE


musicaE. A. Mario1 testoDomenico Furnò data1918


 
T'aggio miso nomme: "Frónna",
t'aggio miso nomme: "Frónna"
ca te faje purtà da 'o viento.
Vaje currenno tutt' 'o munno,
vaje currenno tutt' 'o munno,
cu 'na maschera cuntenta,
tale e quale comm'â fronna
ca se fa purtà da 'o viento.
 
Ti ho chiamato: "Foglia".
Ti ho chiamato: "Foglia"
perchè ti fai trasportare dal vento.
Corri per tutto il mondo,
corri per tutto il mondo,
con una maschera contenta.
tale e quale a una foglia
che si fa trasportare dal vento.
 
Frónna, frunnella,
tengo 'o presentimento
ca mme struje e mme martella
e mme dice: "E vuó sapé?
Cade 'a frónna 'mbracci'ô viento,
cade chella 'mbracci'a te".
 
Foglia, fogliolina,
ho il presentimento
che mi strugge e mi martella
e mi dice: "E vuoi sapere?
Cade la foglia in braccio al vento,
cade quella in braccio a te.
 
Ma tu sî 'a cchiù bella frónna,
ma tu sî 'a cchiù bella frónna
e 'a cchiù leggia 'e tuttuquante.
Tu te pierde nun vulenno,
tu te pierde nun vulenno,
'mmiez'ê ffrónne malamente,
pecché sî 'a cchiù bella frónna
e 'a cchiù leggia 'e tuttuquante.
 
Ma tu sei la più bella foglia,
ma tu sei la più bella foglia
e la più leggera di tutte.
Ti perdi senza volere,
Ti perdi senza volere,
tra le foglie cattive,
perchè sei la più bella foglia
e la più leggera di tutte.
 
Frónna, frunnella,
…………………..
 
Foglia, fogliolina,
…………………
 
Tu cu mico te pretienne,
tu cu mico te pretienne,
ma 'nu juorno te ne piente.
Te ne piente proprio quanno,
te ne piente proprio quanno,
puorte vierno scritto 'nfronte.
Pienze po ca te pretienne
e 'nu juorno te ne piente.
 
Tu con me pretendi,
tu con me pretendi,
ma un giorno te ne penti.
Te ne penti proprio quando,
te ne penti proprio quando,
porti inverno scritto in fronte.
Pensa poi che pretendi
e un giorno te ne penti.
 
Frónna, frunnella,
so' troppe 'e 'nnammurate.
Troppa gente dice: "Chella
nun se sape mantené.
Cade pure 'mbracci'a ll'ate
comme cade 'mbracci'a te".
Foglia, fogliolina,
sono troppi i fidanzati.
Troppa gente dice: "Quella
non si sa trattenere.
Cade anche tra le braccia degli altri
come cade tra le tue".

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Itadda Ailema e Roberto Murolo.
1 E. A. Mario è lo pseudonimo utilizzato dal poeta e compositore Giovanni Ermete Gaeta.

Un commento su “Napulitanamente

  1. Mio padre Aldo Celestino intitolo’ così un suo libro di poesie in vernacolo.. Lui adorava Napoli e la sua lingua… Ora ci guarda, segue, guida e protegge da Lassù..!! Quanti bei ricordi…
    Molto cordialmente,
    Salvatore Celestino, 45, Bari.

Rispondi a Salvatore Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia