'O GUAPPO 'NNAMMURATO


musicatestoRaffaele Viviani data1910


 
Mm'hê 'ncarugnuto cu chist'uocchie belle,
mm'hê fatto addeventà 'nu vile 'e core,
'n'ommo 'e lignammo. Nun so' cchiù Tatore,
'o mastuggiorgio1 'e vasci'â Sanità.
Nun so' cchiù io, mannaggi' 'a libbertà.
 
Mi hai rimbambito con questi occhi belli,
mi hai fatto diventare un debole di cuore,
un uomo di legno. Non sono più Salvatore,
il guardiano1 della Sanità.
Non sono più io, mannaggia la libertà.
 
Scorz' 'e fenucchio,
tengo 'nu bruttu pólice 'int'â recchia.
So' bevitore 'e vino e, si mm'arracchio,
te scàrreco 'a ricanna 'int'ô renucchio.
Scorza 'e fenucchio.
 
Scorza di finocchio,
ho una brutta pulce nell'orecchio.
Sono bevitore di vino e, se mi ubriaco,
ti scarico la rivoltella nel ginocchio.
Scorza di finocchio.
 
Mme tratte comme fosse 'n'ommo 'e paglia,
prumiette sempe e nun mantiene maje.
Ma nun capisce che, accussì, mme 'nguaje?
Nun saje ca, pe rispetto a ll'omertà,
'sta faccia accussì bella 'aggi' 'a sfriggià?
 
Mi tratti come se fossi un uomo di paglia,
prometti sempre ma non mantieni mai.
Ma non capisci che così mi metti nei guai?
Non sai che, per rispetto all'omertà,
questa faccia così bella devo sfregiare?
 
Surzo 'e sciarappo,
si arrivo a te piazzà 'stu miezu scippo,
p' 'o mmerecà, nc'hê 'a mettere pe coppa,
'nu palmo e 'nu ziracchio2 'e sparatrappo3.
Surz' 'e sciarappo.
 
Sorso di vino dolce,
se riesco a farti un mezzo graffio,
per medicarlo, ci devi mettere sopra
un palmo e 15 cm2 di benda3.
Sorso di sciroppo.
 
Femmene belle sempe na duzzina
n'aggio tenute appése a 'stu cazone.
E mo mme sto' strujenno 'e passione
pe te ca nun canusce carità,
chi sa 'sta pelle addó 'a vaco a pusà.
 
Donne belle sempre una dozzina
ne ho tenuto appese a questi pantaloni.
E ora mi sto struggendo di passione
per te che non conosci carità,
chissà questa pelle dove la vado a posare.
 
Fronna 'e carota.
Manco 'a quattuordece anne 'a carcerato.
Però, chi mme ce manna 'n'ata vota,
se fa 'nteresse sempe 'nu tavuto.
Fronna 'e carota.
 
Foglia di carota.
Non vado in prigione da quattordici anni.
Però, chi mi ci manda un'altra volta,
si guadagnerà sempre una bara.
Foglia di carota.
 
Te sî pentuta? E basta nun fa niente.
Chello ch'è stato è stato e vienetenne.
C'è poco 'a dì, chi nénna se pretenne
vicino a te nun have a che ce fà.
E' 'o stesso affetto ca mme fa spustà.
 
Ti sei pentita? E basta non fa niente.
Quello che è stato è stato e torna.
C'è poco da dire, chi bambina si crede
confrontata con te non ha che farci.
E' lo stesso affetto che mi fa spostare.
 
Tu 'o ssaje ca i' feto.
Si nun te 'nfilo 'o junco 'n'ata vota,
cu 'o curtelluccio mio a máneca 'e cato,
te scóso 'a 'nanze, 'a dinto, 'a fora e 'a reto.
Tu 'o ssaje ca i' feto.
Tu lo sai che puzzo.
Si non t'infilo il giunco un'altra volta
con il mio coltellino a manico di secchio,
ti scucio davanti, dentro, fuori e dietro.
Tu lo sai che puzzo.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Nino Taranto, Peppe Servillo & Solis String Quartet, Giacomo Rondinella, Federico Salvatore e Sergio Bruni.
1 In origine il "mastuggiorgio" era l'infermiere di manicomio, il sorvegliante dei pazzi.
2 Lo "ziracchio" è un'unità di misura di circa 15 cm, pari alla distanza tra il pollice e l'indice della mano distesa.
3 Lo "sparatrappo" è un cerotto adesivo di media altezza il cui nome dialettale deriva da "spar drapping", benda chirurgica in uso fin dal 1700.

Rispondi a Francesco Fersula Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia