'O PADRONE


musica testoPino Daniele data1977


 
'O padrone nun va' dduje sorde,
dice sempe 'e faticà.
E nuje ce magnammo 'o limone
pe dduje sorde ca ce dà.
Pe dduje sorde ca ce dà.
 
Il padrone non vale due soldi,
dice sempre di lavorare.
E noi rosichiamo
per due soldi che ci dà.
Per due soldi che ci dà.
 
'O padrone oggi è venuto,
nce vuleva pe parlà.
Stateve accuorto, cca zompa tutte cose
e 'na botta c'ha cugliuto lla.
E 'na botta c'ha cugliuto lla.
 
Il padrone oggi è venuto,
ci voleva parlare.
State attenti, qua salta in aria tutto
e un'esplosione ci ha colpiti là.
E un'esplosione ci ha colpiti là.
 
Quanta luce, cchiù miseria nun ce sta.
'Mparaviso se sta buono
senza nisciuno ca nce vo' cumannà.
Quanta luce, cchiù miseria nun ce sta.
'Mparaviso se sta buono
senza nisciuno ca nce vo' cumannà.
 
Quanta luce, miseria più non c'è.
In paradiso si sta bene
senza nessuno che ci vuole comandare.
Quanta luce, miseria più non c'è.
In paradiso si sta bene
senza nessuno che ci vuole comandare.
 
'O Signore nun va' dduje sordë
dice sempe 'e prià.
E priate 'a Madonna
ca 'ncopp'â terra po' cagnà.
Ca 'ncopp'â terra po' cagnà.
 
Il Signore nun vale due soldi
dice sempre di pregare.
E pregate la Madonna
che sulla terra possa cambiare.
Che sulla terra possa cambiare.
 
'O Signore oggi è venuto,
nce vuleva pe parlà.
Ma che ve site mise 'ncapa,
'mparaviso s'ha dda faticà.
'Mparaviso s'ha dda faticà.
 
Il Signore oggi è venuto,
ci voleva parlare.
Ma cosa vi siete messi in testa,
in paradiso si deve lavorare.
In paradiso si deve lavorare.
 
Quanta luce, 'mparaviso nun se po' stà.
Nemmeno muorte stammo buono,
manco 'o limone nce putimmo magnà.
Quanta luce, 'mparaviso nun se po' stà.
Nemmeno muorte stammo buono,
manco 'o limone nce putimmo magnà.
Quanta luce, in paradiso non si può stare.
Nemmeno morti stiamo bene,
non possiamo nemmeno rosicare.
Quanta luce, in paradiso non si può stare.
Nemmeno morti stiamo bene,
non possiamo nemmeno rosicare.

La canzone fa parte di "Terra Mia", album di esordio di Pino Daniele. Il brano, come confermato dallo stesso Pino Daniele in un’intervista, è ispirato ad un fatto realmente accaduto: l’esplosione, nel 1975, della fabbrica di fuochi d’artificio Flobert a Sant’Anastasia, che causò la morte di dodici operai. Molti di loro erano giovanissimi e, sottopagati, lavoravano per il “Padrone” senza alcuna protezione e rispetto delle più basilari norme di sicurezza. L’autore immagina quindi la vita terrena delle vittime, costrette a lavorare per pochi soldi, che non trovano pace nemmeno in Paradiso.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia