PALOMMA 'E NOTTE


musicaFrancesco Buongiovanni testoSalvatore Di Giacomo data1906


 
Tiene mente 'sta palomma,
comme gira, comm'avota,
comme torna 'n'ata vota
'sta ceròggena a tentà.
 
Guarda questa farfalla,
come gira, come rigira,
come torna un'altra volta
a tentare questa candela.
 
Palummè chist'è 'nu lume,
nun è rosa o giesummino.
E tu, a forza, cca vicino
te vuó mettere a vulà.
 
Farfallina questo è un lume,
non è rosa o gelsomino.
E tu, per forza, qui vicino
ti vuoi mettere a volare.
 
Vatténn' 'a lloco.
Vatténne, pazzarella.
Va' palummella e torna,
e torna a 'st'aria
accussì fresca e bella.
'O bbì ca i' pure
mm'abbaglio chianu chiano,
e che mm'abbrucio 'a mano
pe te ne vulé caccià?
 
Vattene da lì.
Vattene, pazza.
Vai farfallina e torna,
e torna a quest'aria
così fresca e bella.
Lo vedi che anche io
mi abbaglio piano piano
e che mi brucio la mano
per volerti mandar via?
 
Carulì, pe 'nu capriccio,
tu vuó fá scuntento a 'n'ato
e po, quanno ll'hê lassato,
tu, addu 'n'ato vuó vulà.
 
Carolina, per un capriccio,
tu vuoi fare scontento un altro
e poi, quando l'hai lasciato.
tu, da un altro vuoi volare.
 
Troppi core staje strignenno
cu 'sti mmane piccerelle.
Ma fernisce ca 'sti scelle
pure tu te puó abbrucià.
 
Troppi cuori stai stringendo
con queste mani piccoline.
Ma finisce che queste ali
anche tu ti puoi bruciare.
 
Vatténn' 'a lloco.
…………………..
 
Vattene da lì.
………………
 
Torna, va', palomma 'e notte,
dint'a ll'ombra addó sî nata,
torna a 'st'aria 'mbarzamata
ca te sape cunzulà.
 
Torna, vai, farfallina di notte,
nell'ombra dove sei nata,
torna a quest'aria imbalsamata
che ti sa consolare.
 
Dint'ô scuro e pe me sulo
'sta cannela arde e se struje,
ma ch'ardesse a tutt'e dduje,
nun 'o ppòzzo suppurtà.
 
Nel buio e per me soltanto
questa candela arde e si strugge,
ma che bruci tutti e due,
non lo posso sopportare.
 
Vatténn' 'a lloco.
…………………..
Vattene da lì.
………………

Il brano è il riadattamento di una poesia in dialetto veneto, “La pavegia”, scritta nel 1904 dalla poetessa di origine armena Vittoria Aganoor Pompilj, che conosceva Di Giacomo e gli ambienti letterari napoletani del tempo. Non una una novità, visto che spesso Salvatore Di Giacomo, raccoglieva canti e poesie della tradizione popolare per riadattarli secondo il suo gusto e creare nuovi capolavori. L’autore scrive il testo probabilmente ispirato dall’amore tormentato con Elisa Avigliano che, nonostante i quasi vent’anni di differenza, le difficoltà nei rapporti con i genitori e le liti, diventerà sua moglie e resterà al suo fianco fino alla morte del poeta stesso. In realtà esiste anche una versione precedente in napoletano, un duettino popolare scritto da Rocco Emanuele Pagliara e musicata da Luigi Denza, simile nei versi e nel titolo (“Palomma ‘e sera”), che fu pubblicata da Ricordi nel 1887. Quindi la stessa poesia veneta potrebbe essere a sua volta la traduzione e il riadattamento di una canzone napoletana. Tra le interpretazioni della canzone, ricordiamo quelle di Gennaro Pasquariello, Angela Luce, Consilia Licciardi, Fausto Cigliano, Mirna Doris, Peppino Di Capri, Lina Sastri, Sergio Bruni, Roberto Murolo e Serena Autieri.

2 commenti su “Palomma ‘e notte

  1. Queste erano “romanze” sono pilastri del nostro passato. Peccato che lentamente si perdono e; che non si fa nulla per rirsumarle. Il mio apprezzamento é al massimo. Grazie a tutti coloro che, sia nelle parole che nella musica la fanno rivivere.

  2. Palomma e notte cantata da quell’usignolo di Maria Nazionale è il massimissimo. Maria mi fai venire la pelle d’oca sei grande che il dio ti conserva questa ugola doro che hai,ti auguro tanti ma tanti successi ancora sei il massimo che oggi c’è a Napoli come cantante femminile.

Rispondi a Francesco palermo Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia