PENZAMMO Â SALUTE


musicaGaetano Lama testoGigi Pisano data1928


 
Tu mm'hê lassato,
tu mm'hê traduto,
che mme ne 'mporta, nèh?
Che mme ne 'mporta, nèh?
Mme sto' facenno 'e cunte â fin' 'o mese,
sparagno 'a copp'a mille lire 'e spese
ca sciupavo pe tte.
 
Tu mi hai lasciato,
tu mi hai tradito,
che me ne importa, neh?
Che me ne importa, neh?
Sto facendo i conti alla fine del mese,
risparmio più di mille lire di spese
che sciupavo per te.
 
Mo mme ne vaco sulo p' 'a Marina,
mo mme ne vaco a pede a Margellina.
E 'ê solde ca spennévo,
quanno jévamo 'ncarruzzella,
mo
mme n'accatto pizze cávere
e muzzarella.
 
Ora me ne vado solo per la Marina,
ora me ne vado a piedi per Mergellina.
E i soldi che spendevo
quando andavamo in carrozza,
ora
me ne compro pizze calde
e mozzarella.
 
Mo stóngo allero,
faccio 'o signore
pe dint'ê varietà,
sciantose 'a cca e 'a lla.
P'avé 'n'abbraccio 'a te,
nun pare overo,
avev' 'a fà 'n'esposto ô Ministero,
mme facive sperì.
 
Ora sono allegro,
faccio il signore
per i varietà,
sciantose di qua e di là.
Per avere un abbraccio da te,
non sembra vero,
dovevo fare un esposto al Ministero,
mi facevi disperare.
 
E quanno 'na resélla mme facive,
sempe quacche regalo 'a me vulive.
E 'ê solde ca spennévo
pe 'n'abbraccio e 'nu surriso,
mo
mme n'accatto vino 'e Pròceda
e palle 'e riso.
 
E quando una risatina mi facevi,
sempre qualche regalo volevi da me.
E con soldi che spendevo
per un abbraccio ed un sorriso,
ora
me ne compro di vino di Procida
e palle di riso.
 
Io nun durmevo,
io nun mangiavo.
Penzavo sempe a te,
penzavo sempe a te.
Si mme facevo 'nu vestito astrinto,
doppo tre ghiuorne ce abballavo 'a dinto.
Mm'ero fatto accussì.
 
Io non dormivo,
io non mangiavo.
Pensavo sempre a te,
pensavo sempre a te.
Se mi facevo un vestito stretto,
dopo tre giorni ci ballavo dentro.
Ero diventato così.
 
Mo invece tutt' 'a rrobba mme va stretta,
se scósono 'e buttune d' 'a giacchetta.
E 'ê solde ca spennévo
p' 'e sserénghe 'e Zambellette1,
mo
mme n'accatto carne 'e piécuro
e cutalette.
Ora invece tutte le cose mi vanno strette,
si scuciono i bottoni della giacchetta.
E con i soldi che spendevo
per le siringhe di Zambelletti1,
ora
me ne compro di carne di caprone
e cotolette.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quella di Gennaro Pasquariello, Egisto Sarnelli, Giacomo Rondinella e Roberto Murolo.
1 Zambellette è la trasposizione dialettale del cognome Zambelletti, nota casa farmaceutica che un tempo produceva dei ricostituenti.

Rispondi a david Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia