DONNA CUNCETTA


musica testoPino Daniele data1979


 
Donna Cuncè parlate,
Donna Cuncè dicite,
c' 'o tiempo d' 'e ccerase è già fernuto.
Dint'a 'stu tuppo niro
nce stanno tutt' 'e ppaure
'e 'nu popolo ca cammina sott'ô muro.
 
Donna Cuncetta parlate,
Donna Cuncetta dite,
che il tempo delle ciliegie è già finito.
In questo chignon nero
ci stanno tutte le paure
di un popolo che cammina sotto al muro.
 
Donna Cuncè cacciate
tutt' 'e ricorde 'a pietto.
Donna Cuncè alluccate
pe dispietto.
 
Donna Concetta buttate fuori
tutti i ricordi dal petto.
Donna Concetta urlate
per dispetto.
 
E si vulesse Dio, cu chesta fantasia
jettasse tutte cose a mare.
Mo ca so' vecchia e dormo
nun pozzo cchiù fà niente,
so' 'na pezza 'mmano â gente e tengo mente.
Ma s'io fosse guagliona, io fosse capurione
e quanno votta 'o viento dic'a mia
e sulamente si vulesse Dio.
 
E se volesse Dio, con questa fantasia
butterei tutto a mare.
Ora che sono vecchia e dormo
non posso più fare niente,
sono una pezza in mano alla gente e osservo.
Ma se fossi giovane, sarei caporione
e quando c'è agitazione direi la mia
e solamente se volesse Dio.
 
Donna Cuncè cacciate
tutt' 'e ricorde 'a pietto.
Donna Cuncè alluccate
pe dispietto.
Donna Concetta buttate fuori
tutti i ricordi dal petto.
Donna Concetta urlate
per dispetto.

La canzone fa parte di "Terra Mia", secondo album in studio di Pino Daniele. L’autore immagina la conversazione con una donna anziana che raccoglie nel suo chignon (“tuppo”) nero tutte le sofferenze e le paure della vita, con la consapevolezza che la gioventù è passata da tempo. La donna, stanca di tutto il suo vissuto, diventa l’incarnazione del popolo che si nasconde e “cammina sotto il muro” per la paura di rimanere fregato ancora una volta.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia