GIULIETTA E ROMEO


musicaSalvatore Mazzocco testoUmberto Martucci data1958


 
Dint'ô vico Scassacocchi
fanno sempe cane e gatte
'a famiglia mia, Monticchi,
e 'a famiglia Cappelletti.
 
Nel vicolo Scassacocchi
fanno sempre come cani e gatti
la famiglia mia, Monticchi,
e la famiglia Cappelletti.
 
I' po, manco a farlo apposta,
faccio 'ammore di nascosto
cu 'na figlia 'e Cappelletti
ca se chiamma Giulietta.
 
Io poi, manco a farlo apposta,
sto insieme di nascosto
con una figlia dei Cappelletti
che si chiama Giulietta.
 
Pirciò 'a sera 'int'ô ciardino,
proprio sotto al suo balcone,
cu 'n'accordo 'e mandulino
io me metto a suspirà:
 
Perciò la sera nel giardino,
proprio sotto al suo balcone,
con un accordo di mandolino
io mi metto a sospirare:
 
Giulietta, mia cara Giulietta,
acala 'a scaletta
ca voglio saglì.
I' vengo e te porto 'stu core
ca spanteca e more
d'ammore accussì.
Po te dongo 'nu bacetto,
tu me daje 'nu vaso a mme,
così di Giulietta e Romeo,
sfruttanno l'idea,
ce putimmo vedé.
 
Giulietta, mia cara Giulietta,
abbassa la scaletta
che voglio salire.
Io vengo e ti porto questo cuore
che soffre e muore
d'amore così.
Poi ti do un bacetto
tu dai un bacio a me,
così di Giulietta e Romeo,
sfruttando l'idea,
ci possiamo vedere.
 
Ma ce sta, proprio a riguardo
'nu pruverbio ch'è assai fino:
"Tanto va la gatta al lardo
che ci lascia lo zampino".
 
Ma c'è, proprio a riguardo
un proverbio che è molto sottile:
"Tanto va la gatta al lardo
che ci lascia lo zampino".
 
E una sera sul più bello,
mentre faccio 'o menestrello,
tutto 'nzieme scenne 'o pate
e me fa 'na mazziata.
 
E una sera sul più bello,
mentre faccio il menestrello,
all'improvviso scende il padre
e mi dà una lezione.
 
Ma 'stu core nun s'arrenne,
sfida pure tutt' 'o munno,
pirciò, quanno 'a notte scenne,
torna sempe a suspirà:
 
Ma questo cuore non si arrende,
sfida pure tutto il mondo,
perciò, quando la notte scende,
torna sempre a sospirare:
 
Giulietta, mia cara Giulietta,
…………………………
 
Giulietta, mia cara Giulietta,
…………………………
 
Chesta storia, se capisce,
se conchiude a lieto fine
pecché a Napule fernesce
tutto a tarallucce e vino.
 
Questa storia, si capisce,
si conclude a lieto fine
perché a Napoli finisce
tutto a tarallucci e vino.
 
Sicché 'a pace se facette
tra Monticchi e Cappelletti.
Tutte cose s'è aggiustato
e ce simmo già spusate.
 
Così la pace si fece
tra Monticchi e Cappelletti.
Tutto si è aggiustato
e ci siamo già sposati.
 
Però, ê vvote 'int'ô ciardino,
pe pazzià, la mia sposina
piglia spisso 'o mandulino
pe me sentere 'e canta:
 
Però, a volte nel giardino,
per giocare, la mia sposina
prende spesso il mandolino
per sentirmi cantare:
 
Giulietta, mia cara Giulietta,
acala 'a scaletta
ca voglio saglì.
I' vengo e te porto 'stu core
ca spanteca e more
d'ammore accussì.
Po te dongo 'nu bacetto,
tu me daje 'nu vaso a mme,
così di Giulietta e Romeo,
fuje bona l'idea,
pe sta 'nzieme cu tte.
 
Giulietta, mia cara Giulietta,
abbassa la scaletta
che voglio salire.
Io vengo e ti porto questo cuore
che soffre e muore
d'amore così.
Poi ti do un bacetto
tu dai un bacio a me,
così di Giulietta e Romeo,
fu buona l'idea,
per stare insieme a te.
 
Così di Giulietta e Romeo,
fuje bona l'idea,
pe sta sempe cu tte.
 
Così di Giulietta e Romeo,
fu buona l'idea,
per stare sempre con te.
 

Il brano fu presentato al sesto Festival della Canzone Napoletana, che si tenne dal 12 al 14 giugno. Nell’occasione fu cantato da Aurelio Fierro e da Giacomo Rondinella con Nicla Di Bruno, piazzandosi al secondo posto. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Vittorio Marsiglia e Sergio Bruni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia