SCAPRICCIATIELLO


musicaFerdinando Albano testoPacifico Vento data1954


 
"Scapricciatiellu1 mio, vatténne â casa
si nun vuó jì 'ngalèra, 'int'a 'stu mese".

Comme te ll'aggi' 'a dì ca nun è cosa?
Chella nun è pe tte, chella è 'na 'mpesa2.
Che vène a dì ch'è bella cchiù 'e 'na rosa
si po te veco 'e chiagnere annascuso?
Làssala, siente a me, ca nun è cosa.
 
"Scapricciatiello1 mio, vattene a casa
se non vuoi andare in galera, questo mese".

Come te lo devo dire che non è il caso?
Quella non è per te, è una poco di buono2.
Cosa vuol dire che è bella più di una rosa
se poi ti vedo piangere di nascosto?
Lasciala, ascoltami, che non è il caso.
 
Tu, p' 'a bionda, sî; troppo onesto,
chella è fatta pe ll'ommo 'nzisto.
Alluntànate 'a 'sta "maésta"
ca te pierde, figlio 'e mammà.
Nun 'o vvide ca te repassa?
Te ciancéa cu ciento mosse.
T' 'o ffà credere e po te lassa.
Te fa perdere 'a libertà.
 
Tu, per la bionda, sei troppo onesto,
quella è fatta per l' uomo prepotente.
Allontanati da questa "popolana"
che ti perdi, figlio mio.
Non lo vedi che ti prende in giro?
Ti seduce con mille smorfie.
Ti illude e poi ti lascia.
Ti fa perdere la libertà.
 
Tutt' 'e mmatine, mamma, dint'â cchiesa,
prega, pe te, 'a Madonna e nun repòsa.
Jett' 'o curtiello, nun fà 'o smaniuso,
si no tu vaje 'ngalèra e 'a bionda sposa.
Curre add' 'a vecchia, va', cércale scusa.
 
Tutte le mattine, tua mamma, in chiesa,
prega, per te, la Madonna e non riposa.
Butta il coltello, non fare l'esagitato,
se no tu vai in galera e la bionda si sposa
corri dalla vecchia, va', chiedile scusa.
 
Tu p' 'a bionda sî troppo onesto,
……………………………………….

"Scapricciatiellu mio, vatténne â casa
si nun vuó jì 'ngalèra, 'int'a stu mese".
Tu per la bionda sei troppo onesto,
………………………………………….

"Scapricciatiello mio, vattene a casa
se non vuoi andare in galera, questo mese".

Il brano, rifiutato da Tullio Pane. fu presentato per la prima volta da Aurelio Fierro al Teatro San Ferdinando in occasione della Festa di Piedigrotta. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Renato Carosone, Anna Magnani, Mario Trevi, Sergio Bruni, Giacomo Rondinella e Claudio Villa. Nel 1955, la canzone ispirò l’omonimo film diretto da Luigi Capuano.
1 Appellativo affettuoso per indicare un ragazzo discolo e scapestrato.
2 L'espressione "chiappo 'e 'mpiso" o "mpiso" può essere tradotta letteralmente con "cappio da impiccato". In realtà, nel linguaggio popolare, viene riferita ad una persona per sottolinearne la furbizia e più o meno bonariamente o scherzosamente. Da qui, viene anche traslata al femminile divenendo "chiappa 'e 'mpesa".

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia