UOCCHIE C'ARRAGGIUNATE


musicaRodolfo Falvo testoAlfredo Falcone Fieni data1904


 
'St'uocchie ca tiene, belle,
lucente ccchiù d' 'e stelle,
so' nire cchiù d' 'o nniro
so' comm'a dduje suspire.
 
Questi occhi che hai, belli,
splendenti più delle stelle,
sono neri più del nero,
sono come due sospiri.
 
Ogne suspiro coce,
ma tene 'o ffuoco doce
e, comme trase 'mpietto,
nun lle dà cchiù arricietto.
 
Ogni sospiro brucia,
ma ha il fuoco dolce
e, come entra in petto,
non gli dà più riposo.
 
E chi ve po' scurdá,
uocchie c'arraggiunate
senza parlà?
Senza parlà?
A me guardate, sì,
e stàteve 'nu poco,
comme dich'i',
comme dich'i',
comme vogl'i'.
 
E chi vi può dimenticare,
occhi che ragionate
senza parlare?
Senza parlare?
Guardatemi, sì,
e rimanete un po'
come dico io,
come dico io,
come voglio io.
 
So' nire, cchiù sblennente
'e ll'ebano lucente.
Comm'a 'na seta fina
so' ll'uocchie 'e Cuncettina.
 
Sono neri, più splendenti
dell'ebano luccicante.
Come una seta pregiata
sono gli occhi di Concettina.
 
Sempe ca 'e ttèngo mente,
nce trovo sentimente
pecché nce sta 'nu vezzo,
ca i' guardo e ll'accarezzo.
 
Ogni volta che li guardo,
ci trovo sentimento
perchè c'è un vezzo,
che io guardo e l'accarezzo.
 
E chi ve po' scurdà,
………………………
 
E chi vi può dimenticare,
…………………………….
 
Sciure e frónne addirose,
nun cerco tanta cose.
Né 'a cchiù bella guagliona,
si è ricca, mm'appassiona.
 
Fiori e foglie profumate,
non cerco tante cose.
Né la più bella ragazza,
se è ricca, mi appassiona.
 
Ma tutt' 'a simpatia,
ma tutt' 'a vita mia,
mme giova o mm'arruvina,
so' ll'uocchie 'e Cuncettina.
 
Ma tutta la simpatia,
ma tutta la mia vita,
mi giova o mi rovina,
sono gli occhi di Concettina.
 
E chi ve po' scurdà,
……………………..
E chi vi può dimenticare,
…………………………….

Secondo la tradizione, l’autore scrisse il testo della canzone per la moglie Concetta al Caffè Croce di Savoia, suscitando subito l’entusiasmo dell’amico Rodolfo Falvo, anch’esso presente, che la musicò. Tra le interpretazioni di questo brano, ricordiamo quelle di Gennaro Pasquariello, Francesco Albanese, Bruno Venturini, Franco Ricci, Peppe Barra, Claudio Villa, Giacomo Rondinella, Consilia Licciardi, Peppe Servillo e Danilo Rea, Lina Sastri e Roberto Murolo. Pare che questa canzone fosse la preferita di Eduardo De Filippo chem infatti, la inserì nella commedia “Gennareniello” scritta nel 1932. Il 30 novembre 2015, al Teatro Argentina di Roma, Nicola Piovani ne esegue una versione al pianoforte durante il funerale laico di Luca De Filippo.


2 commenti su “Uocchie c’arraggiunate

  1. Una delle più belle canzoni non del repertorio napoletano, ma di quello mondiale .

  2. Questa canzone va interpretata a mezza voce e con le relative sfumature appropriate, quasi un sussurro.Appartiene al genere Serenata .Più passano gli anni e più si riveste di dolcezza .Se la ascoltata da me . vi dimostrerò la esattezza del
    mio pensiero

Rispondi a Carmine Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia