'O 'NNAMMURATO MIO


(R. Viviani – 1926)


 
'O 'nnammurato mio se va 'nfurmanno
cu chi aggio fatto 'ammore e va vedenno,
e passa pe' vicino e va 'nzurdanno,
'a n'anno e miezo chesto va facenno.
 
Il mia fidanzato si va informando
con chi sono stata e guarda,
passa vicino e disturba,
da un anno e mezzo questo sta facendo.
 
Mm' 'o ssento 'e scennere
ca 'o lasso e sùbbeto,
si 'a fede 'e nasceta
mme vò' caccià.
Nun ce só' chiacchiere
né fóse 'a appennere1,
si nn' 'a vò' 'ntènnere
pò cammenà.
 
Me lo sento
che lo lascio subito,
se la fede di nascita
vuole chiedermi.
Non ci sono chiacchiere
né difetti da trovare1,
se non la vuol capire
può andarsene.
 
'O 'nnammurato mio fa 'o scrupuluso,
a sulo a sulo nun mme dà nu vaso.
Se 'mbroglia, se 'mpapina, fa 'o scurnuso,
io 'o chiammo 'o maccarone senza 'o ccaso.
 
Il mio fidanzato fa lo scrupoloso,
di sua iniziativa non mi dà un bacio.
Si confonde, s'impappina, fa il vergognoso,
io lo chiamo il maccherone senza cacio.
 
Vicino â femmena
ce vò' 'o sensíbbele,
chi è muollo e 'nzípeto
se fa schifà.
Ll'ommo ha da tènere
presenza 'e spíreto,
si no arretìrete,
nun ce ammuscià.
 
Vicino alla donna
ci vuole il sensibile,
chi è molle e insipido
si fa disprezzare.
L'uomo deve avere
presenza di spirito,
se no ritirati,
non ci annoiare.
 
'O 'nnammurato mio mme vò' accullata,
cu 'a capa liscia e semplice vestuta.
Si rido sulamente? Só' sfacciata.
Nun pòzzo arapì 'a vocca,
aggi' 'a stà muta.
 
Il mio fidanzato mi vuole accollata,
con la testa pettinata e vestita sobriamente.
Se rido soltanto? Sono sfacciata.
Non posso aprire bocca,
devo stare muta.
 
Ma a chi vò' affliggere?
Chillo è carattere
ca mm'aggi' 'a movere
si aggi' 'a parlà.
Cchiù 'nzierre 'e ffemmene
cchiù se 'mpuntígliano,
cchiù 'e ccorne sguìgliano
senza pietà.
 
Ma a chi vuole affliggere?
Quello è carattere
perchè mi devo muovere
se devo parlare.
Più trattieni le donne
più s'impuntano,
più le corna crescono
senza pietà.
 
'O 'nnammurato mio fa 'o scrupuluso,
a sulo a sulo nun mme dà nu vaso.
Il mio fidanzato fa lo scrupoloso,
di sua iniziativa non mi dà un bacio.


1 Con il termine "fóse" si indicano i "fusi", gli strumento usati dalle cucitrici. La traduzione letterale di questa frase è "nè fusi da appendere". Naturalmente il fuso assume un significato simbolico visto che, per la sua forma, è impossibile da appendere. Infatti non possiede ganci o altra cosa che possa farlo, ma addirittura la sua forma allungata gli impedisce di stare "in piedi". Quindi con "appendere il fuso a qualcosa" si intende "trovare dei difetti".

2 commenti su “‘O ‘nnammurato mio

  1. mi interessava conoscere il significato di fose, che non ho trovato su “R.Andreoli”.
    Grazie e saluti da Leghorn. luciano

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia