LA TARANTELLA


(Florimo, De Lauzieres – 1845)


 
Jammo a bedere 'nterr'a la rena
mentre ca spánfia la luna chiena,
ch'è notte e pare fosse matina,
li piscature de Margellina,
ca te cumbinano, friccicarella,
la tarantella, la tarantella.
Ca te cumbinano, friccicarella,
la tarantella, la tarantella.
 
Andiamo a vedere alla spiaggia
mentre splende la luna piena,
che è notte e sembra sia mattina,
i pescatori di Mergellina
che ti preparano, frizzante,
la tarantella, la tarantella.
Che ti preparano, frizzante,
la tarantella, la tarantella.
 
E tiritùppete – ttùppete – ttùppete
ttùppete – ttùppete – ttùppete – ttù.
E tiritùppete – ttùppete – ttùppete
la tarantella la llara lla llá.
 
E tiritùppete – ttùppete – ttùppete
ttùppete – ttùppete – ttùppete – ttù.
E tiritùppete – ttùppete – ttùppete
la tarantella la llara lla llá.
 
N'ommo e na femmena 'mmiezo se fanno,
a fá rociello la gente stanno,
ma co' malizia, lo pescatore,
entre ch'abballa sa fá ll'ammore.
Non è sortanto pazziarella
la tarantella, la tarantella.
Non è sortanto pazziarella
la tarantella, la tarantella.
 
Un uomo e una donna vengono in mezzo
la gente rimane a fare il cerchio,
ma con malizia, il pescatore,
mentre si balla fa l'amore.
Non è soltanto giocosa,
la tarantella, la tarantella.
Non è soltanto giocosa,
la tarantella, la tarantella.
 
E tiritùppete – ttùppete – ttùppete
…………………………………………
 
E tiritùppete – ttùppete – ttùppete
…………………………………………
 
Isso la 'nvita, chella è scornosa,
po' fa la spruceta, po' n'è gelosa,
po' nc'è ll'appicceco, 'nguerra se stace,
po' s'addenocchiano, po' fanno pace.
Tutta specifica, políta e bella,
la tarantella, la tarantella.
Tutta specifica, políta e bella,
la tarantella, la tarantella.
 
Lui la invita, lei è scontrosa,
poi fa l'imbronciata, poi è gelosa,
poi c'è il litigio, in guerra si sta,
poi si inginocchiano, poi fanno pace.
Tutta precisa, pulita e bella,
la tarantella, la tarantella.
Tutta precisa, pulita e bella,
la tarantella, la tarantella.
 
E tiritùppete – ttùppete – ttùppete
…………………………………………
 
E tiritùppete – ttùppete – ttùppete
…………………………………………
 
Ah, vorria essere no marenaro
e chillo spasso, ch'è tanto caro,
'mmiez'a 'sta Chiaja1, ch'è 'no piacere,
nce pigliarríamo tutte le ssere.
Po' vedarrisse si nun è bella,
la tarantella, la tarantella.
Po' vedarrisse si nun è bella,
la tarantella, la tarantella.
 
Ah, vorrei essere un marinaio
e quel divertimento, che è tanto caro,
in mezzo alla Chiaia1, che è un piacere,
ci prenderemmo tutte le sere.
Poi vedresti se non è bella,
la tarantella, la tarantella.
Poi vedresti se non è bella,
la tarantella, la tarantella.
 
E tirituppete – ttùppete – ttùppete
…………………………………………
E tiritùppete – ttùppete – ttùppete
…………………………………………


1 Quartiere di Napoli vicino a Posillipo e San Ferdinando. Nasce nel XVI secolo come borgo indipendente al di fuori delle mura cittadine e deve il suo nome alla parola spagnola playa (spiaggia), che nel tempo è stata modificato dal dialetto in chiaja.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia