MME SO' 'MBRIACATO 'E SOLE


(Titomanlio, D'Esposito – 1948)


 
Sciure ca mme parlate 'e Primmavera,
quanno nascite vuje, mme ride 'o core.
Bello è 'o paese mio, addó' ll'ammore
sape ca tutto ll'anno ha da cantà.
 
Fiori che mi parlate della Primavera,
quando voi nascete, mi ride il cuore.
Bello è il mio paese, dove l'amore
sa che tutto l'anno deve cantare.
 
Mme só' 'mbriacato 'e sole,
mme só' 'mbriacato 'e mare,
'e ll'uocchie 'e sti ffigliole,
d' 'e vvarche e d' 'e llampare.
Mme trèmmano 'e pparole
e vuó' sapé pecché?
Mme só' 'mbriacato 'e sole.
Mme só' 'mbriacato 'e te.
 
Mi sono ubriacato di sole,
mi sono ubriacato di mare,
degli occhi di queste ragazze,
delle barche e delle lampare.
Mi tremano le parole
e vuoi sapere perchè?
Mi sono ubriacato di sole.
Mi sono ubriacato di te.
 
Sona 'a campana e dà ll'avummaria;
pace e silenzio dóce quanto maje.
Cádeme 'mbraccia e doppo, ànema mia,
cchiù sottavoce canta appriesso a me.
 
Suona la campana e dà l'ave Maria;
pace e silenzio dolci come non mai.
Cadimi tra le braccia e dopo, anima mia,
più sottovoce canta con me.
 
Mme só' 'mbriacato 'e sole,
……………………………….
Mi sono ubriacato di sole,
…………………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia