'O RAMMARIELLO


(L. Cioffi, G. Cioffi – 1952)


 
Jéva vennenno casa pe' casa,
'o sapevano 'a guagliunciello,
'o chiammavano 'o rammariello1.
E deva 'a voce: "Chi vò' fà spese?"
E accattavano 'e ffigliulelle
ca s'avevan' 'a mmaretà.
 
Andava vendendo casa per casa,
lo conoscevano da quand'era un ragazzo,
lo chiamavano il "rammariello"1.
E urlava: "Chi vuole fare spese?"
E compravano le ragazze
che si dovevano sposare.
 
"Véngo cuperte 'e raso
p' 'o lietto 'e sposa.
Pavate a tanto 'o mese,
facite spese".
 
"Vendo coperte di raso
per il letto da sposa.
Pagato un po' al mese,
fate spese".
 
Deva 'a voce stu rammariello
ca penzava sulo a cantà.
Era ancora giuvinuttiello,
chella fine nun ll'êv' 'a fà.
 
Urlava questo "rammariello"
che pensava solo a cantare.
Era ancora un giovanotto
quella fine non la doveva fare.
 
E capitaje 'ncopp'a na casa,
llà ce steva na figliulella
ch'era 'o sole tant'era bella.
Isso dicette: "Si vuó' fà spese,
ccà sta 'o core d' 'o rammariello,
teccatillo, t' 'o puó' piglià".
 
E capitò in una casa,
là c'era una ragazza
che era il sole tanto era bella.
Lui disse: "Sei vuoi fare spese,
qui c'è il cuore del "rammariello",
eccotelo, lo puoi prendere.
 
Tengo 'a cuperta 'e raso
p' 'o lietto 'e sposa.
Mme piglio a tanto 'o mese,
na bella casa".
 
Ho la coperta di raso
per il letto da sposa.
Prendo un po' al mese,
una bella casa".
 
Dint' 'o core d' 'o rammariello
già cantava 'a felicità,
già vedeva 'sta nénna bella,
dint' 'a cchiesa, pe' ghì a spusà.
 
Nel cuore del "rammariello",
già cantala la felicità,
già vedeva questa ragazza bella,
nella chiesa, per andare a sposarsi.
 
Ma va' sapenno, 'sta nénna bella,
ca dint'a ll'uocchie teneva 'o cielo
e teneva na vocca 'e mèle,
s'era scurdata 'e nu 'nnammurato
ca dint' 'o core teneva 'o ffèle
e giurava 'e se vendicà.
 
Ma chi sapeva che, questa ragazza bella,
che negli occhi aveva il cielo
e aveva una bocca di miele,
si era dimentica di un fidanzato
che nel cuore aveva il fiele
e giurava di vendicarsi.
 
"Véngo cuperte 'e raso
p' 'o lietto 'e sposa".
S'arretirava â casa
'mbriaco 'e vase.
 
"Vendo coperte di raso
per il letto da sposa".
Ritornava a casa
ubriaco di baci.
 
E cantava stu rammariello,
nun puteva maje 'mmagginà
ca 'o curtiello d' 'a marennella
lle serveva pe' se salvà.
 
E cantava questo "rammariello",
non poteva mai immaginare
che il coltello per la merenda
gli serviva per salvarsi.
 
"Véngo cuperte 'e raso
p' 'o lietto 'e sposa".
Mo cchiù nun ll'hanno 'ntiso
casa pe' casa.
 
"Vendo coperte di raso
per il letto da sposa".
Ma non l'hanno più sentito
casa per casa.
 
Chistu povero rammariello
ca penzava sulo a cantá,
mo sta 'nchiuso dint' 'e ccancelle,
chella fine nun ll'êv' 'a fà.
Questo povero "rammariello"
che pensava solo a cantare,
ora è chiuso in prigione,
quella fine non la doveva fare.


1 Il "rammariello" era colui che vendeva porta a porta biancheria personale e per la casa e anche corredi nuziali.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia