PARAVISO E FUOCO ETERNO


(E. Murolo, Tagliaferri – 1931)


 
Nun pare 'nfama cu 'sta faccia 'e santa,
niente mme faje, ma 'e 'nfamità só' ciento,
ca sulo 'o core mio ne pò dà cunto.
E damme nu veleno a tradimento.
E famme fà una morte, ma no tante.

E famme fà una morte, ma no tante.
 
Non sembra infame con questa faccia da santa,
niente mi fai, ma le infamie sono cento,
che solo il mio cuore le può raccontare.
E dammi un veleno a tradimento.
E fammi fare una morte, mo non tante.

E fammi fare una morte, mo non tante.
 
Ammore. Ammore. Ammore.
Paraviso e fuoco eterno.
Si' veleno e calamita.
Tu si' 'a morte e tu si' 'a vita.
Ammore. Ammore.
 
Amore. Amore. Amore.
Paradiso e fuoco eterno.
Sei veleno e calamita.
Tu sei la morte e tu sei la vita.
Amore. Amore.
 
Niente mme faje, ma dint'a st'uocchie nire,
ce stanno cchiù buscìe ca prete a mare.
Mme faje campà cu pàlpete e paure.
Meglio na pugnalata sott' 'o core,
ca pónte d'ago da 'a matina â sera.

Ca pónte d'ago da 'a matina â sera.
 
Niente mi fai, ma in questi occhi neri,
ci sono più bugie che pietre nel mare.
Mi fai vivere con ansie e paure.
Meglio una pugnalato sotto al cuore
che punture d'ago dalla mattina alla sera.

Che punture d'ago dalla mattina alla sera.
 
Ammore. Ammore. Ammore.
…………………………………
 
Amore. Amore. Amore.
…………………………..
 
Te voglio bene e t'odio a tiempo stesso,
e pe' te fà murì, t'affatturasse.
Ma po', Madonna mia, si overo fosse,
curresse â casa, a mamma mme vasasse,
na botta sott' 'o core e mm'accedesse.

Na botta sott' 'o core e mm'accedesse.
 
Ti voglio bene e ti odio al tempo stesso
e per farti morire, ti farei una fattura.
Ma poi, Madonna mia, se fosse vero,
correrei a casa, la mamma mi bacerebbe,
una botta sotto il cuore mi ucciderebbe.

Una botta sotto il cuore mi ucciderebbe.
 
Ammore. Ammore. Ammore.
…………………………………
Amore. Amore. Amore.
…………………………..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia