PARLAME 'E NAPULE


(Casillo, Quintavalle – 1946)


 
Si nun mme pienze cchiù, dimméllo tu.
I' aggio penzato a te, sì, sempe a te.
Mo st'uocchie nun 'o ccredono,
stu core palpita
ca tu staje ccà.
Pecché, vedenno a te,
io veco Napule cu'mmé.
 
Se non mi pensi più, dimmelo tu.
Io ho pensato a te, sì, sempre a te.
Ora questi occhi non ci credono,
questo cuore scalpita
perchè sei qua.
Perchè, vedendoti,
io vedo Napoli con me.
 
Parla nu poco 'e Napule,
parla 'e Pusilleco,
d' 'o mare blu.
Dimme che 'a luna 'e Napule
fa luce a 'e ccoppie
comme saje tu.
E si vuó' bene a me comm'a na vota,
pàrlame sempe 'e Napule,
famme sunnà cu'tté.
 
Parla un po' di Napoli,
parla di Posillipo,
del mare blu.
Dimmi che la luna di Napoli
fa luce alle coppie
come sai tu.
E sei mi vuoi bene come una volta,
parlami sempre di Napoli,
fammi sognare con te.
 
Doppo tant'anne ca fatico ccà,
pe' te nun soffro cchiù. Saje chi si' tu?
Pe' me si' 'o sole 'e Napule,
si' 'o cielo 'e Napule.
Si' tutto, tu.
E só' cuntento, già,
pecché 'o destino t'ha mannato ccà.
 
Dopo tanti anni che lavoro qua,
per te non soffro più. Sai chi sei tu?
Per me sei il sole di Napoli,
sei il cielo di Napoli.
Sei tutto, tu.
E sono contento, già,
perchè il destino ti ha mandata qua.
 
Parla nu poco 'e Napule,
……………………………
Parla un po' di Napoli,
………………………..

Un commento su “Parlame ‘e Napule

  1. MERAVIGLIA DELLA RETE…
    Sapevo che era stata tradotta in sette lingue, ma, chissà perché , non immaginavo quella in italiano.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia