T'AGGIO PERDUTA!


(F. Russo, Gagliardi)


 
T'aggio perduta. Ma pe' quanta spine
tene 'a curona attuorno a chistu core,
tanta viole, rose, giesummine
t'hann' 'a crescere attuorno a tutte ll'ore.

Pe' quanto è gruosso 'o mmale che mm'hê fatto,
pe' tanto 'e bene te n'ha da venì.
 
Ti ho persa. Ma per quante spine
ha la corona attorno a questo cuore,
tante viole, rose, gelsomini
devo crescerti intorno in tutte le ore.

Tanto grande è il male che mi hai fatto,
tanto bene ti deve ritornare.
 
T'aggio perduta. 'O ssanno tuttuquante,
comm'a chell'onna che da mare vène,
tocca ll'arena e se torna a arrassà.
Tocca ll'arena e se torna a arrassà.
 
Ti ho persa. Lo sanno tutti,
come l'onda che arriva dal mare,
tocca la spiaggia e torna indietro.
Tocca la spiaggia e torna indietro.
 
T'aggio perduta. Ma pe' quanta spine
tene 'a curona attuorno a chistu core,
tanta viole, rose, giesummine,
t'hann' 'a crescere attuorno a tutte ll'ore.

Pe' quanto è gruosso 'o mmale che mm'hê fatto,
pe' tanto 'e bene te n'ha da venì.
 
Ti ho persa. Ma per quante spine
ha la corona attorno a questo cuore,
tante viole, rose, gelsomini
devo crescerti intorno in tutte le ore.

Tanto è grande il male che mi hai fatto,
tanto bene ti deve ritornare.
 
T'aggio perduta. 'O ssanno tuttuquante.
Comm' a chell'onna che da mare vene,
tocca ll'arena e se torna a arrassà.

T'aggio perduta comm'a nu brillante
che cade 'nterra e nun se trova cchiù.
 
Ti ho persa, lo sanno tutti,
come l'onda che arriva dal mare,
tocca la spiaggia e torna indietro.

Ti ho persa come un brillante
che cade per terra e non si trova più.
 
Tocca ll'arena e se torna a arrassà.
T'aggio perduta comm'a nu brillante
che cade 'nterra e nun se trova cchiù.
Tocca la spiaggia e torna indietro.
Ti ho persa come un brillante
che cade per terra e non si trova più.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia