TARANTELLUCCIA


(E. Murolo, Falvo – 1907)


 
Na casarella
pittata rosa,
'ncopp' 'e Camaldule,
vurrìa tené.

Piccerenèlla,
p' 'o sposo e 'a sposa,
comm'a na cònnola
pe'mmé e pe'tté.
 
Una casetta
pitturata di rosa,
su ai Campaldoli,
vorrei avere.

Piccolina,
per lo sposo e la sposa
come una culla
per me e per te.
 
"Tùppete-ttùppete"
mme ritirasse.
Tu, verbigrazia,
vien'a arapì.

Cu 'ammore, é facile
tutt' 'o ddifficile.
Si ha da succedere,
succedarrà.
 
"Tùppete-ttùppete"
tornerei a casa.
Tu, per esempio,
vieni ad aprire.

Con l'amore, è facile
tutto il difficile.
Se deve succedere,
succederà.
 
Na luggetèlla
'nfucata 'e sole,
cu 'aruta e 'anèpeta
piantate 'a te.

'Sta faccia bella,
'mmiez'ê llenzole
spase pe' ll'àsteco,
vurrìa vedé.
 
Una loggetta
infuocata dal sole,
con la ruta e i gigli
piantati da te.

Questa faccia bella,
tra le lenzuola
sparse per il terrazzo,
vorrei vedere.
 
Vurrìa annascónnerme
quanno passasse
pe' fà, vasànnote,
cucù-setté.

Cu 'ammore è facile
………………………
 
Vorrei nascondermi
quando passi
per fare, baciandoti,
cucù-setté.

Con l'amore, è facile
……………………….
 
Na cunnulélla,
ninno picciuso,
'nfaccia doje fràvule,
gulìo 'e mammà.

'Gnóra vavella,
cu n'uocchio a 'o fuso,
canta, vucánnolo:
"Michelemmà".
 
Una culla,
bambino capriccioso,
in faccia due fragole,
delizia di mamma.

Signora anziana,
con un occhio al fuso,
canta, girandolo:
"Michelemmà".
 
Notte e silenzio,
lietto sincero.
Doje bracce strégnerme
vurrìa sentì.

Cu 'ammore è facile
………………………
Notte e silenzio,
letto sincero.
Due braccia stringermi
vorrei sentire.

Con l'amore, è facile
……………………….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia