DICITENCELLO VUJE


musicaRodolfo Falvo testoEnzo Fusco data1930


 
Dicitencello a 'sta cumpagna vosta
ch'aggio perduto 'o suonno e 'a fantasia,
ch' 'a penzo sempe,
ch'è tutt' 'a vita mia.
I' nce 'o vvulesse dicere,
ma nun ce 'o ssaccio dí.
 
Diteglielo a questa vostra amica
che ho perduto il sonno e la fantasia,
che la penso sempre,
che è tutta la mia vita.
Io glielo vorrei dire,
ma non glielo so dire.
 
'A voglio bene,
'a voglio bene assaje.
Dicitencello vuje
ca nun mm' 'a scordo maje.
E' 'na passione,
cchiù forte 'e 'na catena,
ca mme turmenta ll'anema
e nun mme fa campá.
 
Le voglio bene,
le voglio tanto bene.
Diteglielo voi
che non me la dimentico mai.
E' una passione,
più forte di una catena,
che mi tormenta l'anima
e non mi fa vivere.
 
Dicitencello ch'è 'na rosa 'e maggio,
ch'è assaje cchiù bella 'e 'na jurnata 'e sole.
Da 'a vocca soja,
cchiù fresca d' 'e vviole,
i' giá vulesse sèntere
ch'è 'nnammurata 'e me.
 
Diteglielo che è una rosa di maggio,
che è molto più bella di una giornata di sole.
Dalla sua bocca,
più fresca delle viole,
vorrei già sentir
che è innamorata di me.
 
'A voglio bene,
…………………
 
Le voglio bene,
…………………
 
'Na lácrema lucente v'è caduta,
dicíteme 'nu poco, a che penzate?
Cu 'st'uocchie doce,
vuje sola mme guardate.
Levámmoce 'sta maschera,
dicimmo 'a veritá.
 
Una lacrima lucente vi è caduta,
ditemi un po', a cosa pensate?
Con questi occhi dolci,
solo voi mi guardate.
Togliamoci questa maschera,
diciamo la verità.
 
Te voglio bene,
te voglio bene assaje.
Sî ttu chesta catena
ca nun se spezza maje.
Suonno gentile,
suspiro mio carnale,
te cerco comm'a ll'aria,
te voglio pe campá.
Ti voglio bene,
Ti voglio tanto bene.
Sei tu questa catena
che non si spezza mai.
Sogno gentile,
sospiro mio carnale,
Ti cerco come l'aria,
ti voglio per vivere.

Si tratta di uno dei brani più famosi di tutta la storia della canzone napoletana. Fu inciso per la prima volta nel 1930 da Vittorio Parisi e, successivamente, nel 1931 da Gennaro Pasquariello. Tra le altre interpretazioni, ricordiamo quelle di Anna German, Mario Abbate, Bruno Venturini, Beniamino Gigli, Rosa Ponselle, Giuseppe Di Stefano, Mario Del Monaco, Roberto Murolo e Amália Rodrigues, Alan Sorrenti, Alex Baroni, Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana, Rita Forte, Ivana Spagna, Ricchi e Poveri, Sal da Vinci, Ivan Graziani, Mario Trevi, Claudio Villa, Franco Califano, Mariella Nava, Alessandro Safina, José Carreras, Luciano Pavarotti, Plácido Domingo, Francesco Anile, Giacomo Rondinella e Massimo Ranieri. Nel 1950, Martin Kalmanoff e Sam Ward riadattano in inglese il testo della canzone che, riarrangiata da Jack Val e Jimmy Dale, viene cantata per la prima volta da Johnny Desmond con il titolo di “Just I Say I Love Her”. Questa versione venne poi interpretata anche da Vic Damone, Eddie Fisher, Frankie Avalon, Al Martino, Dean Martin, Connie Francis, Artie Shaw, Tony Bennett, Timi Yuro e Nina Simone. Lucio Dalla, nella sua celebre “Caruso”, cita e rielabora il testo di “Dicetencello vuje” nel ritornello (“Te voglio bene assaje” e “E’ una catena ormai”), mentre Gianna Nannini inserisce la traduzione di un verso (“ho perduto il sonno e la fantasia”) in “Fotoromanza”, uno dei suoi primi grandi successi. Nel 1995, Roberto Murolo inserisce nell’album “Roberto Murolo and friends” una versione in cui è accompagnato alla chitarra da Pino Daniele.

4 commenti su “Dicitencello vuje

  1. Que posso dire?
    Le parole sono di una bellezza insuperabile.
    È magica la melodia!
    Preferisco ascoltare l’interpretazione di Sergio Bruni.
    Riesce meglio a trasmettere quei pensieri profondi!

  2. Grazie, finalmente un testo scritto in buon Napoletano e con una traduzione fedele. Ho visto tutti gli altri siti, BRRRRRR ! hanno fatto tutti un indegno ” copia incolla ” e la traduzione in napoletano , PESSIMA , l’avrebbe fatta meglio un bergamasco di media cultura.

  3. Mi è stata dedicata oggi e ho avuto la conferma di ciò che ho sempre saputo.

  4. Bellissimo il testo e la traduzione. Per me insuperabile è l’interpretazione dell’immenso Roberto Murolo!

Rispondi a Rüdiger Sachers Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia