CREDERE


musicaRenato Forlani, Austin Forte testoVincenzo De Crescenzo data1961


 
Credere, credere, credere, credere a te.
Che nuttata,
'a notte s'è fermata.
Dint'a 'sta casa
nun schiara juorno cchiù.
 
Credere, credere, credere, credere a te.
Che nottata,
la notte si è fermata.
In questa casa
non fa giorno più.
 
Voglio credere all'alba ca sponta
e no a chello che diceno 'e te.
Voglio credere a 'o sole ca torna
'n'ata vota pe mme.
 
Voglio credere all'alba che spunta
e non a quello che dicono di te.
Voglio credere al sole che torna
un'altra volta per me.
 
Viene cca, viene cca, mo nun chiagnere.
Nun te lasso, nun vide? Sto' cca
pe vasà, p'asciuttà chesti llacreme
ca nun ponno 'ngannà.
 
Vieni qua, vieni qua, ora non piangere.
Non ti lascio, non vedi? Sto qua…
per baciare, per asciugare queste lacrime
che non possono ingannare.
 
Credere io voglio a tte.
E tu dimme sì.
Nisciuno ce sparte, nisciuno
si 'ncielo sta scritto accussì.
 
Credere io voglio a te.
E tu dimmi sì.
Nessuno ci divide, nessuno,
se in cielo sta scritto così.
 
Voglio credere ancora e pe sempe
ca tu esiste sultanto pe mme.
E tu pure può credere sempe
ca io esisto pe tte.
 
Voglio credere ancora e per sempre
che tu esista soltanto per me.
E anche tu puoi credere sempre
che io esista per te.
 
Credere io voglio a tte.
……………………
 
Credere io voglio a te.
……………………
 
Voglio credere ancora e pe sempe
ca tu esiste sultanto pe mme.
Io credo a te.
Io credo a te.
Io credo a te.
Credere.
Voglio credere ancora e per sempre
che tu esista soltanto per me.
Io credo a te.
Io credo a te.
Io credo a te.
Credere.

Il brano fu presentato al Giugno della Canzone Napoletana, che si tenne al Teatro Moditerraneo il 24 e 25 giugno, con finalissima il 2 luglio. Nell’occasione fu cantato da Milva e Nunzio Gallo, piazzandosi al primo posto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia