VINTIQUATTORE


musicaErnesto De Curtis testoSalvatore Di Giacomo data1913


 
E fermate rilorgio 'nu mumento
quanno cu ninno mio parlo cca nnante.
Quanno 'sti ppene meje tutte lle conto,
quanno c' 'o chianto all'uocchie isso me sente.
Quanno 'sti ppene meje tutte lle conto.
 
E fermati orologio un momento
quando con l'amore mio parlo qui davanti.
Quando queste pene mie tutte le racconto,
quando con il pianto agli occhi lui mi sente.
Quando queste pene mie tutte le racconto.
 
Ninno, io t'amaje pe chisti ricci 'nfronte.
Ninno, io t'amaje pe chist'uocchie tuoje lucente.
Ninno, io nun dormo e tu nun ne saje niente.
Io me consumo e tu ne sî gnurante.
Ninno io t'amaje pe chisti ricci 'nfronte.
 
Amore, io t'amai per questi ricci sulla fronte.
Amore, io t'amai per questi occhi tuoi lucenti.
Amore, io non dormo e tu non ne sai niente.
Io mi consumo e tu ne sei ignorante.
Amore, io t'amai per questi ricci sulla fronte.
 
E lassala a chest'ata che s'avanta
ca dint'ê mmane soje te tene astrinto
e nun ce sta chi 'a mette pede 'nnante.
Oje ninno, famme vencere 'stu cunto
E lassala a chest'ata che s'avanta.
 
E lasciala quest'altra che si vanta
che tra le mani sue ti tiene stretto
e nun c'è chi glie lo impedisce.
O amore, fammi vincere questo racconto
E lasciala quest’altra che si vanta.
 
E sia ludato Dio, ninno accunsente.
Sona rilorgio e tu mo suone e cante,
sona vintiquattore alleramente.
Chesta è ll'ora ca torna il caro amante.
E sia ludato Dio, ninno accunsente.
E sia ludato Dio, ninno accunsente.
E sia lodato Dio, il mio amore acconsente.
Suona orologio e tu ora suoni e canti,
suona la sera allegramente.
Questa è l'ora in cui torna il caro amante.
E sia lodato Dio, il mio amore acconsente.
E sia lodato Dio, il mio amore acconsente.

Il brano fu musicato anche da E. A. Mario nel 1946, con il titolo di “Zingara ‘nnammurata”, e cantato da Eva Nova.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia