facciataLa basilica dell'Incoronata Madre del Buon Consiglio si trova in Via Capodimonte. [mappa]
La basilica dell’Incoronata Madre del Buon Consiglio è la più recente edificata sul suolo di Napoli. La chiesa nacque grazie alla fede di una religiosa, suor Maria di Gesù Landi che era molto devota alla Madonna del Buon Consiglio.
Nel 1844 commissionò al pittore napoletano Spanò un quadro della Vergine, con il quale fu protagonista di due miracoli: nello stesso anno pose fine all’epidemia di colera che soffocava Napoli mostrando l’immagine al popolo; nel 1906, invece, durante un’eruzione del Vesuvio la suora mise fuori dal proprio balcone il quadro e la copiosa pioggia di cenere cesso.
Grazie a questi due avvenimenti, suor Maria riuscì ad ottenere il riconoscimento del culto e l’incoronazione del quadro (1912); ben presto, la grande quantità di pellegrini rese necessaria la costruzione di questa struttura, proprio nel luogo che la religiosa aveva indicato.
Durante il terremoto del 1980, il busto marmoreo raffigurante la Madonna col Bambino si staccò dalla facciata, finendo sulle scale della struttura, senza però andare distrutta. Quest’ultimo evento miracoloso ne rafforzò la devozione da parte dei fedeli; fu subito restaurata e nel 1983, in seguito a lavori di consolidamento, la statua fu riportata al suo posto. Recentemente, nel 1987, il culto dell’Incoronata Madre del Buon Consiglio è stata ampliato con l’aggiunta del titolo di Madre dell’Unità della Chiesa.
L’11 novembre 1990, in occasione della visita di Papa Giovanni Paolo II, fu sistemato nel pronao un busto raffigurante il Santo Padre, proprio accanto alla copia del Mosè di Michelangelo.