'A SANTANOTTE


(Scala, Buongiovanni – 1920 ca)


 
Santanotte. Nu saluto a 'sta fenesta
addó' 'a luna, cu na festa,
tutt' 'argiento ha spaso giá!

Quaccheduna sta scetata
o s' 'a passa a sbariá,
pecché 'o suonno ll'ha lassata,
tale e quale comm'a me.
 
Santa notte. Una saluto a questa finestra
dove la luna, con una festa,
tutto l'argento ha diffuso già.

Qualcuna è sveglia
o si sta agitando,
perchè il sonno l'ha lasciata,
tale e quale a me.
 
Vi' che triato
ch'è 'a vita nosta:
dó' 'a Santanotte
a chi mm'ha 'ntussecato.

Scinne, oje bella, ca stó' senza cumpagnia:
mm'ha levato, mamma mia,
'o curtiello 'a cuollo a me.
 
Guarda che teatro
è la nostra vita:
Do la "Santa notte"
a chi mi ha fatto star male.

Scendi, oh bella, che sono senza compagnia:
mi ha tolto, mia mamma,
il coltello da dosso.
 
Ccá mme porta 'o bbene antico.
Sta cu n'ato? E ch'aggi' 'a fá?
Só' turnato 'int'a stu vico
pe' murí si aggi' 'a murì.

Torna cu mico,
te voglio bene.
Po', 'a Santanotte,
'a dammo a chist'amico.
 
Qui mi porta l'amore antico.
Sta con un altro? E cosa ci devo fare?
Sono tornato in questo vicolo
per morire se devo morire.

Torna con me,
ti voglio bene.
Poi, la "Santa notte",
la diamo a quest'amico.
 
Tu si' scesa, finalmente. Mme sentive?
E dimmello: cu chi stive?
Dimme 'o nomme, primma 'e mo.

Ma tu cade? Staje gelata.
Parla… Ah! E' sango 'mpiett'a te.
Mme ll'ha accisa 'o scellarato:
morta io 'a stregno 'mbracci'a me.
 
Sei scesa, finalmente. Mi sentivi?
E dimmelo: con chi stavi?
Dimmi il nome, subito.

Ma tu cadi? Sei gelata.
Parla… Ah! E' sangue sul tuo petto.
Me l'ha uccisa lo scellerato:
morta la stringo tra le mie braccia.
 
Poveru core,
t'hanno spezzato.
'Sta Santanotte
mo ll'ha da avé chi more!

Ma primma 'e juorno, 'o 'nfamo ha da murí.
Povero cuore,
ti hanno spezzato.
Questa "Santa notte"
ora deve averla chi muore!

Ma prima di giorno, l'infame deve morire.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2016 © Napoligrafia