'A SERENATA


musicaGaetano Lama testoLibero Bovio data1917


 
No, nun t'abbelí,
so' tutte amice ca se vonno divertí.
Ognuno 'e lloro sona 'nu strumento,
comme si fosse 'nu divertimento.
Comme se dice?
Questa qua è una "suvaré".
 
No, non ti avvilire,
sono tutti amici che si vogliono divertire.
Ognuno di loro suona uno strumento,
come se fosse un divertimento.
Come si dice?
Questa è una "soiret".
 
Mme piglie e po mme lasse,
po mme lasse,
e po mme piglie,
ma pecché?
So' fatto 'na pazziella?
'Na pazziella
'e piccerillo,
'mmano a te?
Te spasse? E nun fa niente.
Spássate, ch'aggi' 'a fá?
 
Mi prendi e poi mi lasci,
poi mi lasci,
e poi mi prendi,
ma perchè?
Sono diventato un giocattolo?
Un giocattolo
da bambino,
nelle tue mani?
Ti diverti? E non fa niente.
Divertiti, che devo fare?
 
Sstss!… Nun giá accussí.
Cchiù delicato.
Nun ce avimm' 'a fá sentí!
Sunate zitto zitto e doce doce,
si no nce 'o perdo 'stu felillo 'e voce.
V'aggio pregato
ca mm'avit' 'a cumpatí.
 
Sstss!… Non così.
Più delicatamente.
Non dobbiamo farci sentire!
Suonate piano piano e dolcemente,
altrimenti perderò questo filo di voce.
Vi ho pregato
che mi dovete compatire.
 
Mme piglie e po mme lasse,
po mme lasse,
e po mme piglie,
ma pecché?
So' fatto 'na pazziella?
'Na pazziella
'e piccerillo,
'mmano a te?
'Nfí' a quanno nun mme stracquo,
fa' chello ca vuó tu.
 
Mi prendi e poi mi lasci,
poi mi lasci,
e poi mi riprendi,
ma perchè?
Sono diventato un giocattolo?
Un giocattolo
da bambino,
nelle tue mani?
Fino a quando non mi stanco,
Fai quello che vuoi.
 
Pe te dimustrá quanto ti "atóro",
nun 'o ssaje che voglio fá?
I' voglio fá quacche penzata mia:
piglio e te scanno. Vi' che fantasía.
Tu muore e io moro,
ma 'a sentenza è chesta cca.
 
Per dimostrarti quanto ti adoro,
non sai che voglio fare?
Voglio attuare qualche mia pensata:
prendo e ti scanno. Guarda che fantasia.
Tu muori e io muoio,
ma la sentenza è questa qua.
 
Mme piglie e po mme lasse,
po mme lasse,
e po mme piglie,
ma pecché?
So' fatto 'na pazziella?
'Na pazziella
'e piccerillo,
'mmano a te?
Pe mo siéntete 'e suone.
Dimane… mar'a te.
Mi prendi e poi mi lasci,
poi mi lasci,
e poi mi riprendi,
ma perchè?
Sono diventato un giocattolo?
Un giocattolo
da bambino,
nelle tue mani?
Per ora ascolta i suoni.
Domani… povera te.

Tra le interpretazioni di questa canzone, ricordiamo quelle di Pietro Mazzone e Mario Merola.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aiuto

2003-2021 © Napoligrafia